State of the Union: “L’Europa in un mondo che cambia”, il 6-7 maggio l’evento on line dell’Istituto universitario europeo

“L’Europa in un mondo che cambia”: questo il tema dell’edizione 2021 della conferenza “The State of the Union”, organizzata dall’Istituto universitario europeo di Firenze (6-7 maggio). Vedrà succedersi “un numero senza precedenti di politici e funzionari internazionali di alto livello e di accademici provenienti da tutto il mondo”, dicono gli organizzatori. Filo rosso degli interventi, il ruolo dell’Europa nel mondo, declinato in otto aree tematiche: dall’intelligenza artificiale alla geopolitica, ai piani di rilancio dell’economia e alla distribuzione dei vaccini nei Paesi in via di sviluppo. Questo decimo appuntamento dello State of the Union, si svolgerà su una “innovativa piattaforma digitale studiata per rafforzare l’interazione tra i relatori ed il pubblico selezionato”. L’evento sarà comunque interamente fruibile on line. Nell’elenco degli oltre 150 relatori: Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea (che aprirà i lavori il 6 maggio); Federica Mogherini, ex Alto rappresentante Ue; Vincenzo Amendola, sottosegretario agli affari europei; Kristalina Georgieva, direttrice generale del Fondo monetario internazionale. Inoltre Ngozi Okonjo-Iweala, direttrice generale dell’Organizzazione mondiale del commercio; Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea; Ayşe Cihan Sultanoğlu, assistente segretario generale Nazioni unite; Luigi Di Maio, ministro affari esteri (che concluderà, la sera del 7 maggio). Renaud Dehousse, presidente dell’Istituto universitario europeo, si è detto “orgoglioso” di quanto avverrà: “Dall’incontro fra politici e accademici nascono idee innovative per scelte politiche che permettano di superare i momenti di difficoltà”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy