Rohingya: Save the Children, “nei campi rifugiati di Cox’s Bazar 800mila persone in condizioni ancora più precarie a causa delle violente piogge”

“All’inizio della temuta stagione dei monsoni, le prime piogge battenti stanno già cadendo su Cox’s Bazar e stanno peggiorando le già precarie condizioni nei campi profughi dove vivono quasi 800mila Rohingya. Dopo le piogge di ieri, questa mattina si è verificato un altro intenso rovescio, tipico, insieme agli uragani, della stagione pre-monsonica che precede i veri e propri monsoni attesi in Bangladesh tra maggio e giugno”. Ne dà notizia Save the Children in una nota. “Queste piogge – spiega Daphnee Cook, portavoce di Save the Children a Cox’s Bazar – annunciano le enormi difficoltà che le famiglie Rohingya, che si sono rifugiate qui per fuggire da brutali violenze in Myanmar, dovranno affrontare. Non solo devono vivere in condizioni terribili in campi sovraffollati dove dipendono unicamente dalle razioni di cibo per la sopravvivenza, ma ora si trovano esposti anche alle tempeste, che provocano allagamenti e smottamenti, e a un’inevitabile escalation delle condizioni di disagio”. “Il peggioramento del tempo – ha aggiunto – è particolarmente minaccioso per i bambini, che saranno ancora più esposti al rischio di ritrovarsi separati dalle loro famiglie o da chi si sta prendendo cura di loro, o di ammalarsi gravemente per le condizioni climatiche”. “C’è anche il rischio – ha proseguito – che diventi più difficile l’accesso a servizi vitali come le cliniche mediche, i centri per la nutrizione e gli spazi protetti per i bambini, che sono l’unico luogo tranquillo e felice per loro”. Per Daphnee Cook, “è più che mai importante e urgente che la comunità internazionale rafforzi il proprio impegno e finanzi pienamente la risposta umanitaria prima che arrivi la parte peggiore della stagione dei monsoni. Chiediamo anche che le famiglie Rohingya più a rischio che vivono nelle aree maggiormente esposte a frane o inondazioni possano essere ricollocate in zone più sicure a Cox’s Bazar”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano