Quotidiano

Mondragone
Parroco: "Di fronte al degrado le coscienze sono addormentate"

Mondragone, in provincia di Caserta, è da giorni sotto i riflettori per la scopera di un focolaio di coronavirus. L’emergenza, però, ha scoperchiato una realtà difficile dove ci sono famiglie bulgare di etnia rom che vivono in condizioni ai limiti: le donne nei campi lavorano tutto il giorno per 1,5/2 euro all’ora, gli uomini passano la giornata in strada senza far niente, i bambini non frequentano la scuola. “Noi – racconta don Osvaldo Morelli, che è anche il direttore della Caritas diocesana di Sessa Aurunca – siamo gli unici che dialoghiamo con loro, li accogliamo a mensa e li aiutiamo. Gli altri sanno, ma fanno a scaricabarile sulle responsabilità”.

 

CEI-UNICEF Protocollo d’intesa per “tutelare l’infanzia sul territorio italiano”

Cei
Un numero di telefono per famiglie in difficoltà: “Lavoro di squadra”

Parte oggi il “pronto intervento famiglie” promosso dalla Cei: una rete di 63 consultori con oltre 300 operatori disseminati su tutto il territorio nazionale per accogliere i bisogni dei nuclei familiari provati dall’emergenza pandemia e aiutarli a ripartire. Attivo il numero nazionale 0681159111 e, per le persone con disabilità, l’indirizzo e-mail pastoraledisabili@chiesacattolica.it.

 

VIDEO

Rilevazione Caritas
Durante il lockdown 34% di
Durante il lockdown 34% di "nuovi poveri"

Il 34% delle persone che si sono rivolte alle Caritas diocesane nel periodo del lockdown sono “nuovi poveri”, ossia persone che si sono rivolte per la prima volta alle strutture ecclesiali. Con la riapertura si è registrato un piccolo segnale positivo: nel 28,4% delle 169 Caritas diocesane interpellate, pari al 77,5% del totale (sono 218 le Caritas in Italia), si è registrato un calo delle domande di aiuto.

Paola Pessina
Non servono più cose, ma più persone
Paola Pessina

Il coronavirus è diabolico, nel senso letterale del termine: divide, ci costringe ad allontanarci gli uni dagli altri per salvarci. Ma paradossalmente ci dimostra quanto per salvarci abbiamo bisogno di relazioni.

Conflitto israelo-palestinese
Le Chiese contro l'annessione israeliana di aree della Cisgiordania

Ancora poche ore e poi il 1° luglio dovrebbe prendere il via l’annunciata annessione, da parte di Israele, delle aree della Cisgiordania dove sono state edificate oltre 130 colonie, considerate illegali dalla comunità internazionale. Le dure reazioni delle Chiese locali e internazionali per le quali l’annessione rischia di mettere una pietra tombale alla soluzione, da tutti sostenuta, dei “Due Popoli, Due Stati”.

 

CONFERENZA PER LA SIRIA Jallouf: “Fermate la guerra”

Russia al voto
Dietro le riforme un plebiscito per incoronare Putin fino al 2036

Domani, 1° luglio, si chiuderanno le operazioni di voto – in presenza e on line – durate una settimana. Ai cittadini è chiesto di esprimersi su un articolato pacchetto costituzionale con 200 emendamenti che affrontano la lunghezza del mandato presidenziale fino ai matrimoni eterosessuali. Le opposizioni e gli analisti temono brogli elettorali. Ma la fiducia nel presidente rimane elevatissima nonostante la pesante crisi economica e i dati – poco credibili – diffusi sulla pandemia da coronavirus.

Pietro e Paolo
Papa: “Non abbiamo bisogno di parolai ma di testimonianze“

“Oggi abbiamo bisogno di profezia, di profezia vera: non di parolai che promettono l’impossibile, ma di testimonianze che il Vangelo è possibile. Non servono manifestazioni miracolose, ma vite che manifestano il miracolo dell’amore di Dio. Non potenza, ma coerenza. Non parole, ma preghiera. Non proclami, ma servizio. Non teoria, ma testimonianza”. Così Papa Francesco nell’omelia per la Solennità dei santi apostoli Pietro e Paolo.

Devozione
Santi Pietro e Paolo: le chiavi e la spada
Santi Pietro e Paolo: le chiavi e la spada

La grazia non cambia la natura. Pietro e Paolo ci invitano a ritornare in Terra Santa non solo per consegnare la raccolta fra le Chiese dell’Asia e della Grecia per la madre di tutte le Chiese che conosce momenti difficili, ma per renderci conto che anche le pietre, da queste parti, parlano e raccontano la storia, e la vita.

Alla radice di tutta la fede cristiana c'è una storia di perdono
Fabio Rosini

Pietro e Paolo, così diversi eppure entrambi alla radice della nostra fede: un dotto e un ignorante, il primo e l’ultimo degli apostoli, l’evangelizzatore dei giudei e l’evangelizzatore delle genti. Non si può fare a meno di nessuno dei due, e farli stare insieme vuol dire avere la fede cattolica, che non permette assolutizzazioni e richiede equilibro. Ma quel che questi due apostoli hanno in comune, esistenzialmente, è una cosa ben precisa: vengono entrambi dall’errore. La loro è una storia di perdono. Sono queste le colonne della nostra fede: un rinnegato e un persecutore. Non hanno solo incontrato Cristo, ma l’hanno incontrato nella caduta, ed è questo il loro Vangelo: la misericordia di Dio. All’origine della vita nuova c’è il perdono dei peccati.

Alessandro Di Medio
L’utopia di vivere un mese di quarantena ogni anno
Alessandro Di Medio

Una parte dell’uomo, rimasta sana e verginale, agogna il silenzio, il raccoglimento, la quiete. Molti ambirebbero un tempo di quarantena ogni anno (ignorando che la cosa sarebbe loro già possibile almeno per qualche giorno andando a fare un corso di esercizi spirituali), perché oggi più che mai è risultato troppo stridente il contrasto tra il caos, il rumore, lo stress e la fretta abituali, e la quiete del lockdown, con il recupero di parti importanti di sé che ha comportato.

Messe e pandemia
Lenza: "Passare a un modello di parrocchia che va verso i fedeli"

Contro la paura serve pensare a nuovo modello di parrocchia, aiutare gli altri e rispettare i propri tempi. E se si è in difficoltà, parlarne. Diana Lenza è psicologa e psicoterapeuta. In questo periodo ha lavorato con le Misericordie fornendo supporto ai volontari impegnati in prima linea e a quelli in quarantena. Con lei abbiamo parlato della paura del contagio che anche in questa fase resta diffusa: accanto alla ripresa della movida, nelle chiese l’affluenza dei fedeli fatica a riprendere.

 

CEI/MINISTERO No obbligo di guanti per Comunione e sposi senza mascherina

Le indecisioni di governo e la rissosità dei partiti
Stefano De Martis

L’Istat ha comunicato che nei primi tre mesi dell’anno si è avuta una brusca riduzione dei consumi mentre è aumentata la propensione delle famiglie al risparmio. Quando il domani appare più carico d’incognite del presente, paradossalmente anche coloro che hanno una qualche disponibilità finanziaria sono portati non a spendere ma ad accumulare riserve. In mancanza di un clima di fiducia, anche la distribuzione di risorse ingenti rischia di non essere in grado di stimolare l’economia. Al netto dei limiti oggettivi e dei ritardi delle pur rilevanti misure adottate, questo fenomeno spiega molto della difficoltà a far ripartire l’economia italiana dopo la devastazione causata dal Covid-19. L’incertezza presente, occorre riconoscerlo, è pesantemente condizionata da fattori su cui la politica ha possibilità d’intervento non risolutive, vale a dire la persistente diffusione del contagio all’interno e su scala internazionale e soprattutto il timore di una seconda ondata nel prossimo autunno. Gli stessi scienziati propongono analisi e valutazioni diverse su questi aspetti.

Coronavirus Covid-19
Cei: nasce una "Rete che ascolta" per le famiglie in difficoltà

Un numero di telefono, centinaia di operatori sparsi in tutta Italia, un solo obiettivo: ascoltare i bisogni delle famiglie e supportarle in questa fase delicata della ripartenza, segnata dall’incertezza, dalle difficoltà economiche, da problematiche legate alla disabilità. Parte mercoledì 1° luglio “Rete che ascolta”, il progetto della Chiesa italiana che collega attualmente 63 consultori familiari e mette a disposizione le competenze di 309 operatori.

Giornata contro la droga
Comunità terapeutiche:
Comunità terapeutiche: "Mai più invisibili"

Oggi, 26 giugno, è la Giornata mondiale contro l’uso e il traffico illecito di droga. Per l’occasione le principali reti del privato sociale e delle comunità che rappresentano una parte importante del sistema italiano dei servizi per le dipendenze lanciano un’iniziativa nazionale per riaccendere i riflettori su un settore che è stato completamente dimenticato durante l’emergenza sanitaria legata al Covid-19. “Inaccettabile il silenzio delle Istituzioni”, dice Luciano Squillaci, presidente della Fict.

Persone private di libertà
Garante:
Garante: "Il Covid-19 ha evidenziato le criticità"

Con l’emergenza coronavirus “calano i numeri in tutte le strutture monitorate dal Garante nazionale, si adottano provvedimenti in linea con autorevoli voci che ricordano il principio, troppo spesso dimenticato, che la privazione della libertà dovrebbe essere misura estrema – l’ultima e non la prima a cui ricorrere –, si scoprono sacche di oblio del nostro pensiero in quei luoghi dove minori erano stati gli occhi attenti forse perché destinati a persone non funzionali al nostro modello economico”.

Evangelizzazione
Nuovo direttorio per la catechesi: abitare la "cultura digitale"

“Un’ulteriore tappa nel dinamico rinnovamento che la catechesi attua”. È il nuovo Direttorio per la catechesi, approvato da Papa Francesco il 23 marzo scorso e presentato oggi in sala stampa vaticana, a 23 anni dal Direttorio generale per la catechesi e a 15 anni dal Compendio del Catechismo della Chiesa Cattolica. Obiettivo:  far fronte alle “nuove problematiche che la Chiesa è chiamata a vivere”, e in particolare il fenomeno della “cultura digitale” e la “globalizzazione della cultura”.

Omofobia
Gambino: "Un nuovo intervento legislativo è superfluo"

Per il contrasto all’omofobia non è necessario un nuovo intervento legislativo. La nostra Costituzione stabilisce già il divieto di discriminazione fondata su condizioni personali e il nostro diritto penale punisce severamente qualsiasi aggressione ingiustificata verso omosessuali in quanto tali. Ma attenzione a non tacciare come “omofobo” chi dovesse rifiutare il modello culturale di un’affettività tra due persone dello stesso sesso. Parla il presidente di Scienza & Vita e prorettore dell’Università Europea di Roma.

Lettera
Il Papa a Zanardi:
Il Papa a Zanardi: "Hai insegnato a vivere la vita da protagonisti"

“Carissimo Alessandro, la sua storia è un esempio di come riuscire a ripartire dopo uno stop improvviso. Attraverso lo sport hai insegnato a vivere la vita da protagonisti, facendo della disabilità una lezione di umanità”. Inizia così la lettera di Papa Francesco ad Alex Zanardi: “Grazie per aver dato forza a chi la aveva perduta. In questo momento tanto doloroso le sono vicino, prego per lei e per la sua famiglia”.

Udienza
Francesco:
Francesco: "La preghiera ci lascia nelle mani di Dio"

“Guardiamo a Davide, pensiamo a Davide: santo e peccatore, perseguitato e persecutore, vittima e carnefice pure”. È l’invito del Papa, nella parte finale della catechesi dell’udienza di oggi, trasmessa in diretta streaming dalla biblioteca privata e dedicata alla figura di Davide: “Anche noi registriamo nella nostra vita tratti spesso opposti; nella trama del vivere, tutti gli uomini peccano spesso di incoerenza”.

EUROPA
Venezia di Kiev. Shevchuk, “dramma con interessi di milioni di euro”

La Chiesa cattolica ucraina non si lascia intimorire e nonostante pressioni di vario genere, continua a dire no alla pratica della maternità surrogata e a chiedere allo Stato ucraino di fare “tutto il necessario per superare l’attuale vuoto legislativo che permette la maternità surrogata. La situazione dei bambini in Ucraina deve essere per tutti un campanello di allarme”. A spiegare le ragioni di questa battaglia è Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk, capo della Chiesa greco-cattolica ucraina.

Osservasalute
Spesa sanitaria: 38 miliardi a carico delle famiglie
Spesa sanitaria: 38 miliardi a carico delle famiglie

Nel 2018, la spesa sanitaria complessiva, pubblica e privata sostenuta dalle famiglie, ammontava a circa 153 miliardi di euro, dei quali 115 miliardi di competenza pubblica e circa 38 miliardi a carico delle famiglie. Lo evidenzia l’annuale Rapporto Osservasalute, curato dall’Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane, presentato oggi on line. Dal 2013 al 2018, rivela ancora il Report, i ricoveri ospedalieri sono progressivamente diminuiti passando da 155,5 su 1.000 residenti del 2013 a 132,4 per 1.000 del 2018.

Riapertura degli oratori
Maffi: “I bambini non sono solo da educare ma anche maestri di vita”
Maffi: “I bambini non sono solo da educare ma anche maestri di vita”

L’emergenza sanitaria e le limitazioni resesi necessarie per contrastare il diffondersi della pandemia di coronavirus Covid-19, hanno complicato non poco l’attività degli oratori che, nel giro di poche settimane dal decreto del presidente del consiglio dei ministri del 17 maggio scorso, hanno dovuto interpretare come attuare le disposizioni regionali in materia e, di conseguenza, organizzare le attività estive.

EUROPA
Ue: Conferenza sul futuro d’Europa, oggi l’esame a Bruxelles. Presieduta da “eminente personalità”

Sono quattro i principi cardine che dovranno guidare la Conferenza sul futuro dell’Europa: “uguaglianza” tra Commissione, Consiglio e Parlamento a “tutti i livelli”; rispetto delle prerogative di ciascuna istituzione; efficacia, evitando paludi burocratiche; coinvolgimento effettivo dei cittadini. Questo indica un documento di lavoro interno che viene discusso oggi alla riunione dei rappresentanti permanenti del Consiglio dell’Ue e che il Sir ha potuto esaminare in anteprima.

Cei
Una
Una "rilettura biblico-spirituale" della pandemia

Si intitola “È risorto il terzo giorno” ed è una traccia di riflessione elaborata dalla Commissione episcopale per la Dottrina, l’annuncio e la catechesi della Cei per accompagnare equipe diocesane, catechisti e quanti sono impegnati sul fronte dell’annuncio e dell’iniziazione cristiana. Si tratta di una “rilettura biblico-spirituale dell’esperienza della pandemia”, destinata a credenti e non credenti.

Paolo Zucca
Stati Generali: l’economia attende i soldi Ue
Paolo Zucca

Senza esito il primo incontro dell’Eurogruppo, una seconda e decisiva riunione è attesa per metà luglio. Nell’ipotesi migliore all’Italia dovrebbero arrivare dal Piano europeo Recovery Fund oltre 170 miliardi di flussi a fondo perduto e prestiti; anche in caso di ridimensionamento il percorso di rilancio potrà contare su cifre enormi oltre ad altri prestiti che si potranno attivare. I finanziamenti arriveranno nel 2021 (forse con qualche anticipazione) e saranno legati a dei progetti ben definiti e credibili. Che dovranno essere approvati dal Governo e dal Parlamento. Qualche spunto è emerso a Villa Pamphili, nove giorni interlocutori per l’economia in attesa di decisioni ben più impegnative

Donazione
Papa Francesco invia 2.500 tamponi a Gaza
Papa Francesco invia 2.500 tamponi a Gaza

Papa Francesco, attraverso la Congregazione per le Chiese orientali, ha donato 2.500 test Covid-19 al Ministero della salute di Gaza. La consegna dei kit è stata coordinata dalla Delegazione Apostolica, dal Patriarcato Latino di Gerusalemme e dalla Caritas Gerusalemme. Lo rende noto oggi il Patriarcato latino di Gerusalemme. I kit sono stati consegnati dalla Caritas Gerusalemme e da padre Gabriel Romanelli, parroco latino della Sacra Famiglia a Gaza.

EUROPA
Cattolici inglesi più vicini a Dio, ma lontani dalle parrocchie

I risultati di una ricerca, condotta da Francis Davis, Università di Birmingham e Oxford, segnalano le difficoltà vissute dai fedeli durante il lungo distacco dalla vita comunitaria. Molti dichiarano di aver pregato di più, ma c’è il rischio che altrettanti non tornino alla messa. E le parrocchie fanno i conti con il notevole calo delle offerte. Catherine Brady, parrocchia Saint Mary a Loughborough: “ci manca la buona abitudine del caffé dopo le funzioni”.

Alex Zanardi
De Marco:
De Marco: "Chi va avanti, rischia, ma rende la vita meravigliosa"

“Sembra quasi una lotta senza sosta quella tra Alex Zanardi e la strada. Lotta fatta di fatica e di ostacoli, di sfide e di scontri. E non è un semplice gioco del destino! È la sfida di tutti!”. Lo dichiara al Sir don Gionatan De Marco, direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale del Tempo libero, turismo e sport della Cei, sull’incidente in cui è rimasto coinvolto ieri l’ex pilota di Formula Uno Alex Zanardi, adesso in condizioni gravi, durante una gara di handbike.

Incidente
Suor Donatello:
Suor Donatello: "Alex Zanardi è l’uomo della resilienza"

“Alex Zanardi non è soltanto uno sportivo eccezionale, che ha liberato lo sport paralimpico da una concezione pietistica restituendogli la dignità che merita. È soprattuto l’uomo della resilienza, capace di ripartire nonostante tutto e di ritornare alla vita quando sembrava impossibile. Alex è un esempio da seguire per tanti di noi”. Lo dice al Sir Suor Veronica Donatello, responsabile del Servizio nazionale per la pastorale delle persone con disabilità della Cei.

America Latina
Oltre 2 milioni di contagi, verso i 100mila morti
Oltre 2 milioni di contagi, verso i 100mila morti

Un altro fine settimana in cui sono stati “battuti” drammatici record: i due milioni di contagi in totale (mentre ci si avvicina ai 100mila morti), il milione di contagi e i 50mila decessi in Brasile, i 250mila contagi in Perù, mentre in Messico il numero delle vittime giornaliere torna a superare quota mille. Questo il bilancio della pandemia di Covid-19 nell’area dell’America Latina e dei Caraibi.

La sfida di festività diverse
Alessandro Di Medio

La Pasqua del coronavirus e della clausura forzata è stata la più bella della vita di molti perché non c’è stato nulla di scontato né di automatico: chi ha voluto, ha potuto immergersi nel proprio battesimo ed esercitare in prima persona un aspetto del culto troppo trascurato da noi cristiani, rispetto a quanto vivono invece i nostri fratelli ebrei nelle loro liturgie domestiche. Non si tratta di minimizzare l’importanza della liturgia, che è e rimane la sorgente della Vita nuova e l’espressione oggettiva dell’Alleanza con Dio; si tratta di riscoprire anche una dimensione personale e quotidiana della religiosità che trovi ciascuno capace di intessere con Dio e con i fratelli un linguaggio spirituale fatto di segni che, per quanto semplici, dicano che la fede ha raggiunto il livello affettivo (e creativo) della persona. Dobbiamo sperare che “a partire dall’anno del coronavirus” la Chiesa sappia custodire e promuovere sempre questo aspetto della vita cristiana, non antitetico bensì complementare al culto pubblico della liturgia.

A medici, infermieri e operatori sanitari dalla Lombardia
Papa: "Artigiani della cultura della prossimità e della tenerezza"

Un “abbraccio ideale” alle Regioni italiane più colpite dal coronavirus: l’ha dato, stamattina, Papa Francesco, ricevendo in udienza una rappresentanza di medici, infermieri e operatori sanitari provenienti dalla Lombardia, “una delle Regioni italiane più colpite dall’epidemia di Covid-19, insieme al Piemonte, all’Emilia Romagna e al Veneto, segnatamente Vo’ Euganeo”.

Giornata migrante e rifugiato
Rapporto Caritas Italiana: "Sono 1,6 milioni i profughi interni in Iraq"

Sono 1,6 milioni i profughi interni (Idp) in Iraq, sfollati a causa dell’Isis che nel 2014 conquistò la città di Mosul e la Piana di Ninive, generando all’apice del conflitto circa 6 milioni gli sfollati. È quanto emerge dal 57° Dossier di Caritas Italiana dedicato agli “Sfollati. Uomini, donne e bambini profughi nel proprio Paese”. E agli sfollati interni Papa Francesco ha dedicato la prossima Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato, che si celebrerà il 27 settembre. Il titolo del messaggio pontificio è “Come Gesù, costretti a fuggire”.

EUROPA
Consiglio europeo: Recovery Plan e bilancio, decisioni rinviate a metà luglio

Tutto come previsto al Consiglio europeo in videoconferenza svoltosi oggi tra i 27 capi di Stato e di governo Ue. All’ordine del giorno figuravano il Recovery Plan e il Quadro finanziario pluriennale, strumenti per affrontare la recessione dovuta alla pandemia. Nessun accordo raggiunto, semmai una intesa di massima sulla necessità di azioni decise e rapide e un rinvio al prossimo summit in presenza che si terrà a metà luglio.

Valorizzare tutte le risorse della società italiana, nessuna esclusa
Stefano De Martis

“Ci troviamo in una fase in cui l’Italia è chiamata a un impegno corale di ripresa, dopo la drammatica emergenza della pandemia – tuttora presente – e le sue conseguenze, di salute, economiche e sociali. All’intera società è richiesto il rispetto di un’etica civile che chiama tutti alla responsabilità: ogni cittadino, ogni istituzione, ogni settore sociale. A tutti e a ciascuno è richiesto il coraggio di abbandonare atteggiamenti fondati su prospettive limitate, di corto respiro, che, distorcendo la vita delle istituzioni, rischiano di delegittimarle. È un dovere istituzionale che grava su ciascuno. E che non può essere eluso”. Il Capo dello Stato ha colto l’occasione del ricordo di alcuni grandi magistrati che hanno dato testimonianza con la vita al loro alto servizio, per un richiamo severo a tutto l’ordine giudiziario sconvolto dallo scandalo degli abusi correntizi nelle nomine. Ma come sempre le sue parole hanno assunto una portata che va oltre la singola, pur rilevantissima questione. Infatti anche il recupero di credibilità chiesto ai magistrati – la cui stragrande maggioranza, è bene sottolinearlo, compie il proprio dovere in “fedeltà alla Costituzione” – è parte di quell’”impegno corale di ripresa” a cui tutti devono dare il loro apporto: “ogni cittadino, ogni istituzione ogni settore sociale”.

Documento interdicasteriale
Santa Sede: "Serve una nuova cittadinanza ecologica"

Il tavolo interdicasteriale della Santa Sede ha presentato un documento sull’ecologia integrale, a cinque anni dalla pubblicazione della Laudato si’: “In questo tempo difficile, che sarà destinato a cambiare non poco le società in cui viviamo, siamo chiamati ad aver cura gli uni degli altri, a non chiuderci nell’egoismo, a promuovere e difendere la vita umana dal suo sorgere fino al suo naturale compimento, ad offrire cure mediche adeguate per tutti, ad alimentare la solidarietà internazionale, a combattere la cultura dello scarto, a studiare, costruire insieme nuovi sistemi economici e finanziari più equi, a impegnarci per il dialogo, la pace, il rifiuto della violenza e della guerra”.

Covid-19 in Lombardia
Gualzetti:
Gualzetti: "Messi a dura prova, ora far ripartire l'economia"

Una delle regioni più ricche d’Europa s’è trovata al centro della pandemia, tra “zone rosse”, contagi, un crescente numero di vittime. Sistema sanitario in affanno, aziende in crisi. Facciamo il punto con il direttore di Caritas Ambrosiana, tra i più attenti osservatori della realtà sociale lombarda. “I poveri pagano il prezzo più alto”. Però “la solidarietà non è mancata”.

Instagram
Cesena
fisc Missionari
Qua la distanza sociale è di due metri

I nostri missionari ci scrivono. Padre Tonino Pasolini: “Qua la distanza sociale è di due metri. Con la radio siamo impegnati per gli annunci di servizio pubblico sulla pandemia. Le nostre restrizioni sono simili a quelle che avete voi. Tutte le scuole rimangono chiuse. Tutte le chiese e le moschee sono chiuse. Tutti i confini sono chiusi”, dice il missionario cesenate. Con la radio “Rafforziamo le pratiche sicure. Combattiamo la paura. Soprattutto, combattiamo notizie false e informazioni distorte”.

Dalle Diocesi
Chiesa
Cultura
Politica & Società
Esteri

Approfondimenti

Commenti al Vangelo

Almanacco
ALMANACCO LITURGICO
La Messa del Giorno e la liturgia delle Ore di ChiesaCattolica.it
APP
Scarica l’app ufficiale della Liturgia delle Ore per Smartphone e Tablet
BIBBIAEdu

Accesso completo alle traduzioni CEI del 2008 e del 1974, alla Bibbia Interconfessionale, alla Nova Vulgata, all’Antico Testamento ebraico ed aramaico, che riproduce il Westminster Leningrad Codex, e al Nuovo Testamento greco, che presenta il Greek New Testament della Society of Biblical Literature.