Quotidiano

Ricerca
Sanità: in un anno servizi sospesi per 35 milioni di pazienti

In un anno di pandemia, 35 milioni di italiani hanno avuto problemi a utilizzare servizi e prestazioni sanitarie per patologie non-Covid. In particolare, le cancellazioni e rinunce hanno coinvolto circa 10 milioni di persone. È il quadro che emerge dalla ricerca della Fondazione Italia in salute, intitolata “Gli italiani e il Covid-19. Impatto socio-sanitario, comportamenti e atteggiamenti della popolazione italiana”, realizzata da Sociometrica, per quantificare su scala nazionale le conseguenze dell’epidemia sul sistema sanitario impegnato nelle patologie non-Covid.

 

VACCINI: 1 italiano su 4 non vede l’ora di farlo

Coronavirus Covid-19
Don Juan Carlo:
Don Juan Carlo: "Da paziente ho imparato la sofferenza"

Per ben due volte il virus ha intaccato il suo fisico, ma non ha certo minato la sua indole e, soprattutto, il suo ministero sacerdotale dedicato, in questo tempo di pandemia, agli ammalati di Covid-19. Don Juan Carlo è parroco a Santa Madre di Dio, nella diocesi di Macerata e cappellano presso il nosocomio del capoluogo e il Covid Hospital di Civitanova Marche. Da ottobre si divide tra le due strutture con una missione intrisa di “positività”.

Astrazeneca e Johnson&Johnson
Cauda: "I vaccini sono l'unica arma per uscire da pandemia”

Non ha dubbi Roberto Cauda, ordinario di malattie infettive all’Università Cattolica e direttore dell’Unità di malattie infettive del Policlinico Agostino Gemelli Irccs di Roma, commentando la sospensione precauzionale immediata delle somministrazioni di vaccino Johnson&Johnson ieri negli Usa dopo 6 casi di trombosi (uno letale) su 7 milioni di vaccinati. Una doccia fredda sulla campagna vaccinale mentre ieri sono arrivate in Italia le prime 184mila dosi del siero Usa.

Preti e suore rapiti ad Haiti
Vescovi:
Vescovi: "Domani sciopero di tutte le scuole e le realtà cattoliche"

Il 15 aprile tutte le scuole, le università e le attività cattoliche di Haiti rimarranno chiuse per protestare contro il rapimento di dieci persone a Port-au-Prince domenica scorsa, tra cui quattro preti, due religiose e tre familiari del parroco che andava ad insediarsi nella comunità di Galette Chambon. Un sacerdote e una suora sono di nazionalità francese. È l’azione di protesta decisa dalla Conferenza episcopale di Haiti, per chiedere la liberazione delle persone sequestrate da una gang armata nei dintorni del quartiere Croix-des-Bouquets.

Messico
Diminuiscono i cattolici, crescono i
Diminuiscono i cattolici, crescono i "senza religione"

Anche se non si è trattato di numeri inaspettati, i dati, diffusi qualche settimana fa, del Censimento 2020, effettuato in Messico, hanno comunque avuto l’effetto di una doccia fredda per i cattolici di quel Paese. A livello percentuale, infatti, in dieci anni i cattolici hanno perso 5 punti, rispetto al 2010, passando dall’82,7% al 77,7%. A trarne beneficio non solo (e non tanto) i neo-evangelici e pentecostali (passati dal 7,5 all’11,2%), ma anche (e soprattutto) coloro che dichiarano di essere “senza religione” (dal 4,7% all’8,1%).

Giornali Fisc
Domani in edicola il nuovo “Corriere Cesenate
Domani in edicola il nuovo “Corriere Cesenate" in tre edizioni

“Il Corriere Cesenate rinnovato si fa in tre”. Da domani, infatti, il giornale sarà in edicola con una rinnovata edizione cartacea realizzata assieme alle redazioni del “Piccolo” di Faenza e di “Risveglio di Ravenna”. “Metteremo nel nostro lavoro quotidiano, come è sempre accaduto fino a oggi e come abbiamo imparato in tanti anni di frequentazione nel mondo della Fisc e dei media cattolici, occhi curiosi, mente vigile e cuore attento, come si legge nell’editoriale con cui apriamo le prime pagine”, spiega al Sir il direttore, Francesco Zanotti.

Preti e suore rapiti ad Haiti
Presidente dei vescovi: "Rilascio immediato, vivi e senza condizioni"

Sono stati rapiti a Port-au-Prince, capitale di Haiti, cinque preti, due religiose e tre familiari di un sacerdote. Due sono di nazionalità francese. Haiti è afflitta in questi ultimi anni da un aumento esagerato di violenza e sequestri-lampo a scopo di riscatto. L’appello al Sir di monsignor Launay Saturné, arcivescovo di Cap-Haïtien e presidente della Conferenza episcopale haitiana.