Quotidiano

Il Papa ha dato voce ai sentimenti di tutti
Lucio Brunelli

La pioggia sferza l’abito di Francesco, infligge nuovi tormenti al corpo di quello stesso Crocifisso che mezzo millennio fa venne invocato dai fedeli contro la peste. Ed ora se ne sta lì, le braccia stese, le labbra aperte, vicino all’icona di Maria “salvezza del popolo romano” che una pia leggenda vuole dipinta dall’evangelista san Luca. “Da settimane sembra che sia scesa la sera… presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa. Ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati…”. Impauriti. Ma forse più capaci di riconoscere nell’inferno ciò che inferno non è: “Persone comuni – solitamente dimenticate – che non compaiono nei titoli dei giornali e delle riviste né nelle grandi passerelle dell’ultimo show ma, senza dubbio, stanno scrivendo oggi gli avvenimenti decisivi della nostra storia: medici, infermieri e infermiere, addetti dei supermercati, addetti alle pulizie, badanti, trasportatori, forze dell’ordine, volontari, sacerdoti, religiose che hanno compreso che nessuno si salva da solo”.

Preghiera
Inghilterra
Inghilterra "ridedicata" alla Madonna

Fu re Riccardo II, nel 1381, per ragioni contingenti, a dichiarare il Paese “dote” di Maria. Una eredità che il 29 marzo viene ripresa e condivisa fra i cattolici britannici. Mons. John Armitage racconta l’idea, nata tre anni or sono, che acquista un ulteriore significato oggi, a causa del coronavirus.

Ucraina
Shevchuk: “Pronti ad accogliere malati e persone in quarantena”

C’è un fenomeno nuovo che preoccupa una parte d’Europa, dalla Romania all’Ucraina: è il ritorno nei Paesi di origine degli emigrati, in fuga (questa volta) dai Paesi dell’Europa occidentale, al momento più colpiti dal Coronavirus. Sebbene il Paese abbia chiuso le frontiere, l’Ucraina conta in queste ore 100mila rimpatri. A raccontare al Sir questo fenomeno è Sviatoslav Shevchuk, capo della Chiesa greco-cattolica ucraina, che ha messo a disposizione per le persone in quarantena e anche per i casi più gravi le strutture ecclesiastiche, monasteri e seminari della Chiesa.

La preghiera del Papa: restiamo saldi sulla Roccia
Cristiana Dobner

Ecco allora l’indulgenza plenaria, il dono gratuito dell’Amore sommo che, accogliendo il grido del dolore, ci rende trasparenti a Lui stesso, togliendo da noi le macchie e le scorie che, in un modo o nell’altro, gravano su di noi. Un dono di acqua cristallina che scende benefica e ci fa trasalire perché non impone condizioni o balzelli, chiede soltanto che Lo si guardi e si accetti quella rugiada che lenisce, salva e rende nuovamente innocenti, come quando siamo stai immersi nella grazia del Battesimo del Salvatore. Tutto viene profuso nelle nostre mani. Possano rimanere aperte in supplica e in rendimento di grazie.

Coronavirus
Mattarella: "La generazione più anziana paga prezzo altissimo"

“Stiamo vivendo una pagina triste della nostra storia. Abbiamo visto immagini che sarà impossibile dimenticare. Alcuni territori – e in particolare la generazione più anziana – stanno pagando un prezzo altissimo”. Lo afferma il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un videomessaggio sull’emergenza Coronavirus, in cui anzitutto rivolge un pensiero alle persone che hanno perso la vita a causa di questa epidemia e ai loro familiari.

Gli Stati faranno più debiti per sostenere famiglie e imprese
Paolo Zucca

“Siamo come in guerra – ha sintetizzato l’ex Presidente della Bce (Banca Centrale Europea) Mario Draghi – e dobbiamo mobilitarci di conseguenza”. Il ruolo dello Stato è “proteggere i cittadini e l’economia da shock per i quali il settore privato non ha colpe”. Dobbiamo mettere in conto “un significativo aumento del debito pubblico” e Draghi chiede che si agisca subito con emissioni di nuovi titoli pubblici, nuovi interventi delle banche centrali e sostegni al reddito privato. Per evitare “che la recessione si trasformi in una prolungata depressione, resa peggiore da una pletora di default (insolvenze) che lasciano danni irreversibili”. Si chiamino PandemicBond o CoronaBond, siano garantite da un singolo Paese o dall’intera Europa, le nuovo obbligazioni vanno sottoscritte presto. I soldi servono subito per sostenere la cassa integrazione di massa, i finanziamenti alle imprese e alle famiglie. Di questo si sta discutendo in queste ore di emergenza.

Coronavirus
Cei: 3 milioni di euro e una raccolta fondi per le strutture sanitarie

La Cei ha stanziato 3 milioni di euro provenienti dall’otto per mille, che i cittadini destinano alla Chiesa cattolica. Il contributo raggiungerà la Piccola Casa della Divina Provvidenza – Cottolengo di Torino, l’Azienda ospedaliera “Cardinale Giovanni Panico” di Tricase, l’Associazione Oasi Maria Santissima di Troina e, soprattutto, l’Istituto Ospedaliero Poliambulanza di Brescia. Per sostenere le strutture sanitarie viene aperta una raccolta fondi.

Politica
Tempo di azione, tempo di responsabilità
Tempo di azione, tempo di responsabilità

In questi tempi difficili e complessi, tutto il Paese sta dando una dimostrazione di sé che smentisce clamorosamente i luoghi comuni che ci siamo e che ci hanno costruiti addosso. I cittadini hanno colto che è l’ora dell’azione e della responsabilità, non così le forze politiche, almeno non nella misura necessaria. Che senso ha, adesso, lanciare l’ipotesi di un governo di “unità nazionale”?

Chiese del Santo Sepolcro
Le celebrazioni continuano ma la basilica accessibile solo per i riti

“Le celebrazioni delle Comunità greco-ortodossa, latina, armena continueranno regolarmente, anche se per motivi di sicurezza e allo scopo di evitare il rischio di diffusione dell’infezione Covid-19, il numero dei partecipanti alle celebrazioni sarà limitata a poche persone e la basilica sarà accessibile solo durante le liturgie”. È quanto hanno stabilito i capi delle tre Comunità cristiane residenti nella basilica del Santo Sepolcro di Gerusalemme, i patriarchi greco-ortodosso e armeno di Gerusalemme, Teofilo III e Nourhan Manougian, e il custode di Terra Santa, padre Francesco Patton.

 

PATTON “Da Gerusalemme parta la guarigione, non una pandemia”

Dante: un mito che non accenna a svanire
Marco Testi

Abbiamo ricordato in questi giorni l’anniversario della morte di Dante (il 25 marzo: il settecentesimo anniversario sarà celebrato il prossimo anno), un uomo che ha fatto l’Italia oltre cinque secoli prima. La sua nostalgia dell’impero non dimenticava la specificità della penisola che ne faceva una delle roccaforti delle lingue discendenti dal latino, il “bel paese dove ‘l sì suona” del XXXIII del suo Inferno, dove Roma attendeva di tornare allo splendore antico, non solo quello politico: il “ghibellin fuggiasco” di Foscolo in realtà era un guelfo progressista, sostenitore di una moderna separazione tra il potere politico e quello religioso.

Caritas
Soddu: "Strutture a disposizione della sanità, mancano volontari"

Da Nord a Sud tantissime diocesi e Caritas diocesane stanno mettendo a disposizione strutture religiose, seminari, appartamenti per ospitare medici e infermieri, persone senza dimora, ex detenuti per dare un contributo per l’emergenza socio-sanitaria in corso. Ma per i volontari è difficile operare nel modo tradizionale. L’intervista a don Francesco Soddu, direttore di Caritas italiana.

Tv2000
Questa sera alle 21 la recita del Rosario da Brescia
Questa sera alle 21 la recita del Rosario da Brescia

Dopo l’esperienza del rosario per l’Italia, il momento di preghiera per il Paese promosso dalla Conferenza episcopale italiana, Avvenire, Tv2000, InBluradio, Sir e Federazione dei settimanali cattolici, d’intesa con la Segreteria generale della Cei, invitano i fedeli, le famiglie e le comunità religiose a ritrovarsi questa sera, alle 21, per recitare insieme da Brescia il Rosario che verrà trasmesso da TV2000 e InBluradio.

Coronavirus
La Santa Casa di Loreto è vicina a tutti in televisione o in rete

Come in tutta Italia, al santuario non si celebrano Messe, ma la comunione è mantenuta grazie alle possibilità della rete; ogni giorno infatti, grazie a canale YouTube “Santa Casa Loreto” e a Telepace  tutti possono collegarsi alla celebrazione in Santa Casa delle 7,30 del mattino. Mons. Fabio Dal Cin commenta: “Noi celebriamo sempre per il nostro popolo e per il mondo intero”.

Dal Brasile
L'appello dei vescovi:
L'appello dei vescovi: "Non uscite di casa"

In Brasile cresce di ora in ora il numero di contagi, anche se il governo centrale tende a minimizzare. I singoli Stati stanno prendendo invece misure restrittive drastiche e anche la Chiesa brasiliana lancia l’appello a rimanere a casa, delegando ai singoli vescovi il fermo alle celebrazioni. Ad oggi le messe sono state sospese in oltre 155 diocesi.

Paolo Bustaffa
Il sogno interrotto degli anziani
Paolo Bustaffa

Il virus, decimando la popolazione più avanti con gli anni, ci ha derubato della saggezza, frutto della storia, della vita, del pensiero degli anziani.Quanto accaduto dice, tra molte cose di estrema importanza per la scienza e la politica, che va ravvivato il dialogo tra generazioni, la conversazione tra diverse età per sconfiggere la cultura dello scarto che è frutto della cultura del consumo, del profitto, dell’apparenza, della politica corta.

Carlo Casini
Bassetti: "Cristiano esemplare la cui esistenza è stata inno alla vita"

“Un testimone eccezionale, un combattente per la vita che ha cambiato per sempre l’approccio e la partecipazione della società civile ai temi bioetici”. Così don Massimo Angelelli, direttore dell’Ufficio nazionale pastorale della salute della Cei, a proposito di Carlo Casini, fondatore del Movimento per la vita, venuto a mancare nella giornata di oggi.

 

ANGELELLI “Ha cambiato la partecipazione sui temi bioetici”

COMECE “Riferimento per i vescovi europei”

Testimonianza / 2
Fra' Luca Panza da Cafarnao a Bergamo
Fra' Luca Panza da Cafarnao a Bergamo

Da Cafarnao, in Terra Santa, a Bergamo: la testimonianza di fra’ Luca Panza, francescano bergamasco della Custodia di Terra Santa, guardiano del convento di Cafarnao, sul lago di Tiberiade, il cosiddetto mare di Galilea. “Siate forti e perseverate nella fede. Da buoni bergamaschi riusciremo a ricostruire e rendere più solidi gli argini che il mare ha portato con sé”.

Caritas Italiana
Una raccolta fondi per sostenere medici e ammalati
Una raccolta fondi per sostenere medici e ammalati

Caritas Italiana lancia una campagna di raccolta fondi, della durata di un mese, per sostenere l’impegno di chi è in prima linea nella lotta al Coronavirus. A promuoverla, la Presidenza della Cei che, pur nella consapevolezza delle difficoltà economiche in cui anche tante diocesi versano, incoraggia ad “abbracciare con convinzione scelte solidali, che possano contribuire a rispondere all’emergenza Covid-19”.

Coronavirus
Al Cottolengo il
Al Cottolengo il "miracolo si rinnova sempre"

Nella città in quarantena, dalle strade vuote, con le fabbriche quasi ferme e la gente chiusa nelle case, c’è una comunità che resiste e continua a prendersi cura dei più fragili: la Piccola casa della divina Provvidenza. Il superiore generale, padre Carmine Arice, racconta il miracolo quotidiano del Cottolengo.

Coronavirus
In Inghilterra chiese aperte ma nessuna liturgia
In Inghilterra chiese aperte ma nessuna liturgia

“Sono qui solo in una cattedrale deserta dove i fedeli pregano a distanza di due metri gli uni dagli altri. C’è tanto silenzio e tanta pace”. Il primate cattolico di Inghilterra e Galles ha registrato un messaggio per i suoi fedeli durante la prima giornata nella quale ai cittadini britannici è stato chiesto di mantenere una distanza di sicurezza per evitare il contagio, alla vigilia della prima settimana di chiusura delle scuole.

Forze Armate ed emergenza
Mons. Marcianò: "I militari sono punti di riferimento per la gente"

“La storia della tenebra straziante che stanno sperimentando tanti malati, le loro famiglie e coloro che li curano, la nostra Nazione che conta i suoi morti e il mondo intero, è vista da Dio, è sotto il Suo sguardo”. Lo ha detto l’arcivescovo ordinario militare per l’Italia (Omi), mons. Santo Marcianò, nell’omelia della messa celebrata ieri sera, a Roma, nella cappella all’Ordinariato e trasmessa in streaming dalla pagina Facebook dell’Omi

Terra Santa
La basilica del Santo Sepolcro rimane aperta
La basilica del Santo Sepolcro rimane aperta

A Gerusalemme, resta aperta la Chiesa del Santo Sepolcro ma “siamo chiamati a rispettare le disposizioni delle autorità civili competenti emanate per garantire la sicurezza e il benessere dell’intera popolazione”. Così i capi delle tre Chiese incaricati della Chiesa del Santo Sepolcro che esortano tutti a “rispettare pienamente le disposizioni per la salute pubblica”.

EUROPA
Ongaro:

Italiano di nascita e di formazione, master alla London School of Economics e dottorato al King’s College, oggi docente di Public Management, Edoardo Ongaro vive sull’isola con la famiglia. Al Sir racconta la vita quotidiana e le incertezze della politica britannica di fronte al coronavirus: il governo della Brexit sembra aver perso preziose settimane. “In futuro – dice – trarremo insegnamenti dagli errori commessi, per essere persone migliori, più fraterne, più umane”.

Paolo Morocutti
Mysterium fragilis: l'uomo di fronte alla sua caducità
Paolo Morocutti

Il tempo presente offre certamente al cristiano la possibilità di ritrovare del tempo per pregare, per riflettere, per approfondire i contenuti della fede e per riqualificare le relazioni famigliari, tuttavia questa prova ci offre anche la straordinaria possibilità di rivedere la realtà della nostra vita personale alla luce del mistero della fragilità di cui siamo plasmati. L’uomo è mistero fragile.

Amerigo Vecchiarelli
L'Italia prega il Rosario: un momento di grazia unico
Amerigo Vecchiarelli

Eravamo un unico corpo con i nostri pastori, con i sacerdoti e i cristiani sparsi in Italia e nel mondo intero. Eravamo insieme a chi ogni giorno si spende e dona la propria vita per salvare altre vite. Eravamo con chi è nella sofferenza, perché malato o perché parente di un malato. Eravamo al fianco di chi ha perduto il proprio caro senza aver avuto la possibilità di salutarlo. Eravamo insieme a tutti gli uomini di buona volontà nel chiedere a Dio tramite Maria di fermare l’avanzata di questo virus.

Avvenire
Tarquinio:
Tarquinio: "L'informazione è pane necessario"

“Tanti colleghi, fra cui quelli dei media cristianamente ispirati, stanno mettendo in campo – afferma il direttore di Avvenire – un’informazione che vorrebbe aiutare a ‘leggere’ i diversi risvolti della pandemia, a vederne i contorni italiani e internazionali. E a comprendere che non se ne esce da soli, ma insieme”. Lo smart working, la versione digitale free, i problemi di distribuzione postale.

Tv2000 e inBluRadio
Morgante:
Morgante: "A servizio della Chiesa e dell’Italia"

Tv2000 e inBluRadio restano in prima linea per offrire un servizio responsabile e onesto ai telespettatori e ascoltatori. Dati, notizie, intrattenimento ma anche tutto il bene che si sta facendo in questo periodo nel mondo. “C’è veramente una fame di informazione e noi stiamo cercando con tutto l’impegno possibile di dare un’informazione che sia verificata, accurata, credibile”, dice il direttore Vincenzo Morgante.

Terra Santa
Patton (Custode): “È il momento del pellegrinaggio della preghiera incessante
Patton (Custode): “È il momento del pellegrinaggio della preghiera incessante"

Morti e contagi, cancellati tutti i pellegrinaggi, luoghi di culto chiusi, economia in crisi: israeliani e palestinesi  si trovano dallo stesso lato della barricata per combattere il coronavirus. Le parole del Custode di Terra Santa, padre Francesco Patton, “è il momento del pellegrinaggio della preghiera incessante”. Colletta del Venerdì Santo e celebrazioni al Sepolcro tutte da definire.

Bergamo e Provincia
Parroco:
Parroco: "La sofferenza è straziante ma siamo sostenuti dalla fede"

Bergamo e Provincia hanno, al momento, il più alto numero di contagi: sono 4.645 le persone ad aver contratto il virus secondo i dati forniti il 19 marzo alle 17 dalla Protezione civile. Un numero, probabilmente, al ribasso, come ci spiega un giovane parroco di Caprino Bergamasco: sono tantissimi, infatti, gli anziani che muoiono in casa con sintomi chiaramente riconducibili al Coronavirus ma non accertati.

Paolo Zucca
La liquidità anti-recessione non bagna gli ultimi
Paolo Zucca

Non hanno conto corrente in Italia circa 15 milioni considerando nativi e nuovi cittadini (1,7 miliardi di non bancarizzati nel mondo), probabilmente vivono con un utilizzo di contante alla mano. Non sanno come beneficiare dei decreti d’emergenza. Difficile immaginare che in queste ore si sentano coinvolti dalla superliquidità messa in circolo dalle banche centrali tramite gli istituti di credito. Il superbazooka della Bce (Banca centrale europea) per 750 miliardi o l’Helicopter money Usa della Fed (Federal Reserve) sono termini incomprensibili e lontani. L’oggi è sopravvivere.

Stefano De Martis
Coronavirus e democrazia, la lezione di Aldo Moro
Stefano De Martis

Il contagio e la quarantena stanno mettendo a dura prova le nostre istituzioni. Il punto però non è se chiudere il Parlamento o no: in un frangente come questo c’è più che mai bisogno che tutti gli snodi fondamentali del nostro sistema democratico siano funzionanti e operativi. Ma è necessario uno sforzo di collaborazione che coinvolge tutti gli attori in campo.

Udienza
Francesco: "Senza misericordia abbiamo sbagliato strada"

“La misericordia non è una dimensione fra le altre, ma è il centro della vita cristiana: non c’è cristianesimo senza misericordia”. A ribadirlo è stato il Papa, che nella parte finale dell’udienza di oggi – trasmessa in diretta streaming dalla Biblioteca del Palazzo apostolico vaticano e dedicata alla quinta beatitudine: “Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia”.

Emergenza sanitaria
Il direttore de "L'Eco di Bergamo": "È come essere in guerra"

Parla il direttore del giornale che in questi giorni ha destato l’attenzione di tutti i media per l’impressionante aumento delle pagine di necrologi, dovuto alle tante vittime in città da Coronavirus Covid-19: “C’è anche la Bergamo dei medici, degli infermieri, degli operatori sanitari impegnati 24 ore mettendo in pericolo la propria vita per gli altri. Noi raccontiamo anche la fatica e i drammi di queste persone che quotidianamente si spendono per una comunità”

A Santa Maria Maggiore e San Marcello al Corso
Il Papa invoca la fine della pandemia che colpisce l'Italia e il mondo

Questo pomeriggio, Papa Francesco ha lasciato il Vaticano in forma privata e si è recato in visita alla Basilica di Santa Maria Maggiore, per rivolgere una preghiera alla Vergine, Salus populi Romani. Successivamente, facendo un tratto di Via del Corso a piedi, come in pellegrinaggio, il Santo Padre ha raggiunto la chiesa di San Marcello al Corso, dove si trova il Crocifisso miracoloso che nel 1522 venne portato in processione per i quartieri della città perché finisse la Grande Peste a Roma.

Coronavirus
De Donatis:
De Donatis: "Dio non è impotente"

“Il cristiano – ogni battezzato – non è più un mendicante di felicità; un affamato che va in giro frugando nei rifiuti. Egli stesso è un pozzo, una sorgente inesauribile di Vita”. Così il card. Angelo De Donatis, vicario generale del Papa per la diocesi di Roma, nell’omelia della messa celebrata dalla cappella “Gesù Buon Pastore”.

Ivan Maffeis e Vincenzo Corrado
Don Vincenzo Rini: quello sguardo da bambino e da sacerdote
Ivan Maffeis e Vincenzo Corrado

Nello sguardo di don Vincenzo abbiamo davvero conosciuto lo sguardo della misericordia del Padre, uno sguardo che non condanna ma sa solo aprirsi a un amore infinto. È quello sguardo sacerdotale che, come quello di Cristo, condanna il male, senza rinunciare mai ad amare i peccatori

Don Vincenzo Rini: il sapore della verità, il sapore di Dio
Paolo Bustaffa

Il grande passo per don Vincenzo è stato quello di trasmettere questo sapore attraverso le pagine di un giornale accogliendo, con l’intelligenza dell’amore, l’eredità di chi l’aveva preceduto nella direzione di “La Vita Cattolica”, mons. Ercole Brocchieri. Per don Vincenzo Rini si aprirono presto altri orizzonti, quelli dei settimanali diocesani e dell’agenzia Sir. Aveva condiviso con entusiasmo la grande avventura e in questa scuola-palestra di giornalismo è stato e rimane maestro. Il Coronavirus non ha portato via il suo sorriso che oggi risplende più che mai e diventa invito a guardare più in alto e più lontano

Don Vincenzo Rini: un punto di riferimento per tutti i settimanali
Mauro Ungaro

Il suo sorriso era proverbiale ed era la strada per una capacità non comune di stemperare le tensioni e favorire il dialogo; i suoi editoriali erano sempre scritti con l’arguzia che solo i sempre più rari maestri del giornalismo hanno saputo avere. Durante il suo mandato aveva voluto incontrare il maggior numero di redazioni nei luoghi dove esse operano per sottolineare quel rapporto col territorio che è elemento costitutivo delle testate diocesane sin dalla loro fondazione

Coronavirus
Cei: 10 milioni di euro alle Caritas e mezzo milione al Banco alimentare

La Presidenza della Conferenza episcopale italiana, per sostenere le Caritas diocesane nella loro azione di supporto alle persone in difficoltà a causa dell’emergenza Coronavirus, ha deliberato lo stanziamento di 10 milioni di euro provenienti da donazioni e dall’otto per mille, che i cittadini destinano alla Chiesa cattolica. Inoltre, ha destinato mezzo milione di euro in favore delle attività della Fondazione Banco Alimentare Onlus.

Instagram
Dalle Diocesi
Chiesa
Cultura
Politica & Società
Esteri

Approfondimenti

Commenti al Vangelo

Almanacco
ALMANACCO LITURGICO
La Messa del Giorno e la liturgia delle Ore di ChiesaCattolica.it
APP
Scarica l’app ufficiale della Liturgia delle Ore per Smartphone e Tablet
BIBBIAEdu

Accesso completo alle traduzioni CEI del 2008 e del 1974, alla Bibbia Interconfessionale, alla Nova Vulgata, all’Antico Testamento ebraico ed aramaico, che riproduce il Westminster Leningrad Codex, e al Nuovo Testamento greco, che presenta il Greek New Testament della Society of Biblical Literature.