Diocesi: mons. Salvi (vescovo eletto Civita Castellana) alla chiesa di Perugia-Città della Pieve, “è stata una grande occasione di crescita umana e spirituale”

“In questo giorno in cui il Santo Padre mi ha nominato vescovo di Civita Castellana, grato al Signore per i doni ricevuti in questi anni, desidero rivolgere un pensiero colmo di gratitudine ed anche un po’ emozionato alla nostra carissima Chiesa diocesana che ho servito in questi tre anni svolgendo il mio compito di vescovo ausiliare”. E’ il saluto del vescovo eletto di Civita Castellana, mons. Marco Salvi, alla comunità diocesana di Perugia-Città della Pieve, di cui è stato vescovo ausiliare. “Un pensiero particolare va all’arcivescovo Ivan e al vescovo emerito Card. Gualtiero, ringraziandoli per la stima, la collaborazione e la fraterna amicizia che ci unisce”. “Sono grato ai presbiteri, ai diaconi, ai religiosi, alle religiose e ai seminaristi per aver condiviso insieme belle ed avvincenti esperienze pastorali”, prosegue il presule: “Ringrazio i dipendenti e i collaboratori di curia, i direttori degli uffici e i responsabili dei diversi servizi con i quali ho avuto sin da subito un costruttivo e proficuo rapporto di lavoro”. “È stata una grande occasione di crescita umana e spirituale, in cui ho incontrato e conosciuto il volto bello di una Chiesa viva e vivace, ma anche le sue debolezze e fragilità”, il bilancio di Salvi, che ringrazia inoltre “la città di Perugia e tutte le sue istituzioni civili e militari, con le quali mi sono sempre confrontato con sincerità e leale spirito di collaborazione, consapevole che il dialogo è lo strumento fondamentale per costruire insieme”. “La distanza geografica, seppur minima, che ci divide non interromperà i sentimenti di stima, di amicizia e di comunione reciproca maturati in questi anni”, assicura il vescovo eletto.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy