Diocesi: Caritas Andria, al via “Progetto Mestieri 2.0”. Corsi e tirocini per l’inserimento lavorativo degli immigrati

La Caritas diocesana di Andria, nell’ambito delle iniziative della Campagna Cei “Liberi di partire, liberi di restare” promuove il “Progetto Mestieri 2”. Dopo un primo progetto avviato nel 2018 che ha consentito la realizzazione di tirocini di inserimento lavorativo, questa iniziativa prevede alcune azioni di integrazione dei migranti presenti sul territorio diocesano. Oltre alla promozione di alcuni tirocini formativi di inserimento lavorativo, è prevista l’attivazione di due corsi di formazione per l’acquisizione di competenze tecniche spendibili nel mondo del lavoro. Il progetto è co-finanziato con i fondi dell’8xmille alla Chiesa cattolica. Sono a disposizione 5 posti per il corso per addetti alla conduzione di carrelli industriali, semoventi, carrelli semoventi a braccio telescopico e carrelli/sollevatori/elevatori semoventi telescopici rotativi (16 ore); 5 posti per il corso Haccp per alimenti e bevande, corso base di caffetteria (16 ore) e corso generale per lavoratori, sicurezza nei luoghi di lavoro (4 ore);  5 posti per tirocini formativi di inserimento/reinserimento lavorativo presso aziende del territorio (durata 6 mesi, 30 ore settimanali, retribuzione secondo norme regionali).
L’iniziativa è rivolta agli immigrati presenti sul territorio diocesano (Andria, Canosa di Puglia e Minervino Murge) sia inseriti nelle strutture di accoglienza sia residenti, dai 18 ai 50 anni. I corsi saranno realizzati in collaborazione con l’ente di formazione Safety group, mentre per i tirocini formativi il soggetto promotore è il “Consorzio Mestieri Puglia scs”, agenzia per il lavoro accreditata presso la Regione Puglia. Le adesioni vanno inviate per posta elettronica all’indirizzo andriacaritas@libero.it oppure recapitate a mano presso la sede della Caritas diocesana in Via E. De Nicola, 15 – Andria entro il 30 novembre 2021.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy