Solidarietà: Natale, torna la campagna “L’Alto Adige aiuta”

Anche quest’anno, in vista del Natale, ritorna l’appuntamento con “L’Alto Adige aiuta”, la più nota azione di beneficenza del territorio. L’inflazione e il caro energia creano problemi seri anche a molti altoatesini. “Molte famiglie e persone con un reddito basso sono disperate: non sanno come fare per riuscire a pagare le bollette di acqua, luce, gas o l’affitto. Per non parlare di cosa succede se poi si aggiungono malattie o altre disgrazie”, afferma Heiner Feuer, presidente dell’associazione “L’Alto Adige aiuta”. La campagna di aiuti di quest’anno nel periodo prenatalizio mira ad attenuare le crescenti emergenze delle persone. Anche quest’anno gli organizzatori hanno proposto diverse idee.
Il clou della campagna “L’Alto Adige aiuta” anche quest’anno è la grande maratona di beneficienza del 23 dicembre. Le emittenti Südtirol 1 e Radio Tirol metteranno il loro intero programma al servizio della buona causa. Per oltre 15 ore, riferiranno di emergenze in cui c’è urgente bisogno di aiuto, di campagne e di persone impegnate. Ancora una volta le celebrità alzeranno la cornetta del telefono e accetteranno le donazioni. Il vescovo diocesano Ivo Muser e il presidente della Provincia, Arno Kompatscher, hanno già riconfermato il loro sostegno. Naturalmente, per tutta la giornata verrà lanciato un appello alle donazioni, un appello alla disponibilità e alla solidarietà.
“L’anno scorso abbiamo raccolto 1,2 milioni di euro di donazioni. Con questa cifra siamo stati in grado di intervenire in 905 casi”, ricorda Feuer annunciando le cifre della campagna dello scorso anno. “Quest’anno il nostro aiuto è particolarmente richiesto, poiché le persone in difficoltà finanziaria sono molte di più rispetto al passato – aggiunge -. Purtroppo non siamo in grado di aiutare le persone nella loro sofferenza, ma possiamo alleviare le loro preoccupazioni materiali in modo che possano recuperare le forze e affrontare le sfide con rinnovato coraggio”.
Completarsi a vicenda e non farsi concorrenza è stata l’idea fondante de “L’Alto Adige aiuta” 16 anni fa. Caritas, Bäuerlicher Notstandsfond, Südtiroler Krebshilfe (Assistenza tumori Alto Adige) e le emittenti radiofoniche Südtirol 1 e Radio Tirol hanno unito le forze per creare questa piattaforma di aiuti unica e interconnessa. Sono attivamente sostenuti dalla casa editrice Athesia con il quotidiano “Dolomiten” e il portale online www.stol.it, dal quotidiano Alto Adige e da Radio Dolomiti. Chi ha bisogno di aiuto si rivolge direttamente a “L’Alto Adige aiuta” o alle organizzazioni di assistenza, che esaminano attentamente la situazione. “Proprio perché si collabora, gli aiuti arrivano davvero dove ce n’è più bisogno. Spesso non si tratta solo di sostegno finanziario, ma anche di consulenze e supporto”, sottolineano la direttrice della Caritas Beatrix Mairhofer, Marcus Unterkircher dell’Assistenza tumori Alto Adige e Heiner Schweigkofler del consiglio di amministrazione, che mantiene i contatti con le numerose organizzazioni di sostegno che si sono riunite nella famiglia de “L’Alto Adige aiuta”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy