Cina: Santa Sede, “sorpresa e rammarico” per “cerimonia di installazione” di un vescovo ausiliare in una diocesi “non riconosciuta”

“Sorpresa e rammarico” per una “cerimonia di installazione” di un vescovo ausiliare cinese, in una diocesi “non riconosciuta”. Ad esprimerla, attraverso un comunicato diffuso dalla Sala stampa vaticana, è la Santa Sede, che “ha preso atto con sorpresa e rammarico della notizia”. La cosiddetta “cerimonia di installazione”, si legge in una nota, è avvenuta il 24 novembre a Nanchang e riguarda mons. Giovanni Peng Weizhao, vescovo di Yujiang (Provincia di Jiangxi), divenuto “vescovo ausiliare di Jiangxi”, diocesi quest’ultima non riconosciuta dalla Santa Sede. “Tale evento – si legge nel comunicato – non è avvenuto in conformità allo spirito di dialogo esistente tra la parte vaticana e la parte cinese e a quanto stipulato nell’Accordo provvisorio sulla nomina dei vescovi, il 22 settembre 2018”.
“Per di più – prosegue il comunicato – il riconoscimento civile di mons. Peng è stato preceduto, secondo le notizie giunte, da lunghe e pesanti pressioni delle autorità locali”. “La Santa Sede – si legge nella conclusione della nota – auspica che non si ripetano simili episodi, resta in attesa di opportune comunicazioni in merito da parte delle Autorità e riafferma la sua piena disponibilità a continuare il dialogo rispettoso, concernente tutte le questioni di comune interesse”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy