Vita consacrata: card. Osoro (Madrid), “entrare nel dinamismo della missione nella nuova situazione che l’umanità sta vivendo”

In occasione della Giornata mondiale della vita consacrata che la Chiesa celebra oggi, mercoledì 2 febbraio, il cardinale arcivescovo di Madrid Carlos Osoro concentra la sua lettera settimanale su quanti “sono stati chiamati da Dio e, come consacrati, hanno accolto l’invito a una più profonda unione con Lui”. Una giornata, commenta, per “esaminare, alla luce della novità del carisma che il Signore ha dato” come stanno vivendo la loro consacrazione e se sono “entrati nel dinamismo della missione nella nuova situazione che l’umanità sta vivendo”.
Facendo appello all’entusiasmo e alla gioia nell’annuncio del Vangelo e nel dare la vita “senza riserve per Gesù Cristo”, il porporato esorta consacrati e consacrate a farlo insieme; come dice il motto di quest’anno, “Camminando insieme”, dunque, non vivendo “come isole, ma integrandosi nella vita della Chiesa”.
Delle persone consacrate, il cardinale sottolinea il loro coraggio, la loro “suprema e fedele testimonianza di amore a Dio e ai fratelli”; inoltre, ricorda che lo stesso Dio che li ha scelti è Folui che porta a buon fine la vita consacrata, “in mezzo alle nostre debolezze e stanchezze”. Ma per compiere la missione “è urgente” un “rapporto intimo con Gesù Cristo”, un’unione con Dio, sottolinea, che è ciò che “teneva in vita” i loro fondatori.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy