Messa Giornata vita consacrata: card. Braz de Aviz, “impariamo di nuovo ad ascoltarci reciprocamente”

“In un momento come quello di oggi in cui ancora sono numerosi quelli che dopo un certo tempo abbandonano la vita consacrata, la celebrazione del 2 febbraio qui a Roma come anche in tutto il mondo è un’opportunità d’incontro segnato dalla fedeltà di Dio che si manifesta nella perseveranza gioiosa di tanti uomini e donne, consacrati e consacrate negli istituti religiosi, istituti monastici e contemplativi, istituti secolari, nuovi istituti, membri dell’Ordo virginum, eremiti, membri di vita apostolica di tutti i tempi”. Lo ha detto il card. João Braz de Aviz, prefetto della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica, al termine della messa celebrata dal Papa nella basilica di San Pietro per la Giornata della vita consacrata.  “Con tutta la Chiesa, anche noi consacrati abbiamo iniziato il cammino del Sinodo all’interno della nostra vita carismatica ma anche inserendoci più concretamente nelle nostre chiede particolari, le diocesi”, ha assicurato il porporato, invitando ciascun religioso “a fare la propria parte, a partecipare: nessuno, nessuna pensi: ‘non mi riguarda’”. “Impariamo di nuovo ad ascoltarci reciprocamente, a tutti i livelli di Chiesa, in mezzo a tutto il popolo di Dio per camminare tutti insieme nella gioia di appartenere ad una sola famiglia”, l’auspicio finale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy