Israele e Hamas: p. Faltas (Custodia), diario di guerra “immagini dolorose e segni di speranza”

foto SIR/Marco Calvarese

Uno scenario triste con due immagini “che feriscono” ma anche spiragli di speranza e di pace: è quanto scrive padre Ibrahim Faltas, Vicario della Custodia di Terra Santa, in una sorta di ‘diario di guerra’, inviato al Sir.

Padre Ibrahim Faltas (Foto F. Mandato)

“Le strade vuote di Gerusalemme rendono visibile la paura e la sfiducia della gente in Israele e le lunghe file della gente di Gaza che sfida le bombe per ricevere un pezzo di pane e dell’acqua in attesa degli aiuti umanitari che tardano ad arrivare” sono le due immagini dolorose descritte dal francescano passando in rassegna alcuni degli sviluppi della guerra in corso tra Israele e Hamas. Ma ci sono anche segni di speranza: Papa Francesco che chiama il presidente Usa, Biden, “per parlare della guerra, dei suoi sviluppi ma soprattutto di quali strade percorrere per arrivare alla pace” e il Summit per la pace, il 21 ottobre scorso, in Egitto organizzato dal Presidente Al Sisi, con quasi 40 Paesi partecipanti e organizzazioni internazionali. Tanti leader e capi di governo, scrive Faltas, “hanno espresso la ferma volontà di fermare l’escalation di violenza che da più di due settimane sta aumentando in modo vertiginoso in questa importante area del mondo. Tutti hanno apprezzato l’iniziativa proposta e voluta dall’Egitto, Paese storicamente impegnato nella mediazione fra Israele e Palestina. La maggior parte dei governanti ha ribadito che la soluzione di due Stati ben definiti nei confini e nelle amministrazioni è l’unica strada da percorrere per arrivare alla pace ma ancora tante posizioni sono divergenti. Si riaffermano alleanze, si ribadiscono linee e strategie”. “È urgente – aggiunge padre Faltas – lavorare a soluzioni umane e concrete ma, perché questo avvenga, bisogna prima fermare le armi”.
Per il religioso “ogni iniziativa come quella egiziana va favorita e stimolata per fare in modo che israeliani e palestinesi, con l’aiuto della comunità internazionale, si possano sedere ad un tavolo e parlarsi. Bisogna che si lavori per dare spazi vitali e speranza di serenità a questi popoli feriti nel corpo e nell’anima”. Il vicario della Custodia, da anni impegnato nel campo dell’educazione alla pace, rivela, poi, l’amicizia fra giovani israeliani e palestinesi, alcuni provenienti anche da Gaza. “Questi ragazzi – spiega – hanno mantenuto viva la loro relazione di amicizia. Ho avuto la consapevolezza che questo impegno a servizio della pace non è stato vanificato dalla guerra. Mi ha reso felice sapere che i ragazzi israeliani hanno chiamato i ragazzi di Gaza e viceversa per confortarsi reciprocamente e per avere e dare notizie”. Altro spiraglio di pace, il più importante, è la preghiera forte e unita delle Chiese cristiane di Terra Santa. Preghiamo spesso per l’unità dei cristiani e veramente in questa situazione grave stiamo sperimentando concretamente l’unità in Cristo Redentore del Mondo”. Chiaro il riferimento alla preghiera del 20 ottobre, presso la Cattedrale Anglicana di Gerusalemme, delle Chiese Cristiane della Terra Santa per le vittime dell’ospedale anglicano. E ancora domenica 22 ottobre al Santo Sepolcro “uniti con la Chiesa greca ortodossa per il suffragio delle 18 vittime del bombardamento della Chiesa di San Porfirio e di tutte le vittime di questa guerra assurda e devastante”. “La preghiera delle Chiese di Terra Santa – spiega padre Faltas – è rivolta a Dio Padre perché non vengano colpiti e oltraggiati luoghi di culto e i simboli di appartenenza a tutte le religioni. Preghiamo perché i civili abbiano sicurezza e protezione e perché in tutto il Medio Oriente non vengano bombardati servizi essenziali quali ospedali, chiese e moschee, scuole, panifici”. Domani, 27 ottobre, i Frati Francescani della Custodia di Terra Santa, dopo due settimane di interruzione forzata, riprenderanno a percorrere la Via Dolorosa per la Via Crucis meditata, offerta in suffragio di tutte le vittime innocenti di questa guerra. “Imploreremo tutti insieme la pace, seguendo le orme di Gesù, in comunione con la Giornata di preghiera e digiuno indetta da Papa Francesco. In Terra Santa da molti anni spirano venti di guerra, le parole e l’incoraggiamento del Papa stanno portando il soffio rigenerante di una speranza nuova”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori