Coronavirus Covid-19: Auser, “con fase 2 riaprono le sedi territoriali per gli aiuti agli anziani”

Anche per l’Auser – associazione per l’invecchiamento attivo – è iniziata la Fase 2.
 “Riapriamo le porte delle nostre associazioni con progressione e riorganizzate al loro interno in modo tale da garantire la massima sicurezza – sottolinea il presidente Enzo Costa -: verranno sanificate e forniremo delle indicazioni guida generali utili per ripartire, in linea con i decreti governativi.
 Molte delle nostre sedi che svolgono attività di volontariato sono rimaste aperte anche nelle zone più colpite dal contagio svolgendo una preziosa attività di supporto e aiuto agli anziani soli. Ora possiamo programmare la riapertura delle sedi associative che svolgevano attività ricreativa e culturale. Una porta aperta è meglio di una porta chiusa. Lo faremo con gradualità e nel pieno rispetto delle norme”.
Auser con la sua fitta rete di volontari ha garantito servizi essenziali come la consegna della spesa e dei farmaci a casa delle persone più sole e fragili e i servizi di accompagnamento per cure urgenti dei malati oncologici e i dializzati. I volontari hanno svolto il servizio di ascolto e compagnia telefonica e centinaia sono le telefonate giunte al call center del Filo d’Argento Auser e al numero verde 800-995988 (raggiungibile dal fisso). 
Tantissimi giovani si sono avvicinati all’associazione offrendosi come volontari, portando slancio, entusiasmo, voglia di fare, idee. “Ora siamo al lavoro per una progressiva riapertura di tutte le altre sedi – conclude il presidente Costa – con la consapevolezza che le cose non saranno più come prima per lungo tempo. L’associazione guarda al futuro e ringrazia i suoi tanti volontari che non si  sono tirati indietro nei giorni duri e difficili dell’emergenza”. Tutte le info sulle attività di volontariato messe in campo dall’Auser: http://www1.auser.it/coronavirus/auser-ce/.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy