Polonia: associazione Neos Kosmos, “negati diritti e assistenza sanitaria ai migranti al confine bielorusso-polacco”

“Ora al confine polacco-bielorusso, a uomini, donne e bambini non solo viene negato qualsiasi diritto, ma neanche viene concesso l’accesso alla minima assistenza umanitaria, in un contesto fortemente ostile sia a livello umano che climatico”. Lo afferma l’associazione Neos Kosmos aps, attualmente in Polonia con un operatore sul campo per seguire gli eventi che si stanno svolgendo al confine con la Bielorussia. Una presenza che ha un triplice obiettivo: “raccogliere informazioni, storie e foto-video per denunciare la brutalità di quanto sta avvenendo, per biechi interessi politici e di potere, a danno di migliaia di persone in fuga dal Medio Oriente; dimostrare la nostra solidarietà e sostegno a quella parte di società civile polacca che, tra mille difficoltà e ostilità, cerca di assistere chi ha bisogno e si impegna a denunciare le istituzioni civili che stanno commettendo tali crimini contro l’umanità, da entrambi i lati del confine; diffondere, attraverso la rete di amici e partners, informazioni corrette nei potenziali Paesi di partenza (Siria, Libano, Iraq) per evitare che altre persone finiscano in questa trappola e aiutare le famiglie ad avere notizie dei loro cari già partiti”. “La retorica dei leader politici europei e mondiali è sempre più incentrata sulla difesa dei confini e sui giochi geopolitici tra Stati. Noi siamo qui per ricordare che le scelte politiche di oggi incidono sulla vita di migliaia di persone in fuga da guerre, violenze e carestie, ma anche sull’idea di società che vogliamo per il futuro di noi tutti”, sottolinea l’associazione. “Quello che sta accadendo alle porte dell’Unione europea non è un tentativo di invasione, bensì un miope abominio – conclude -, che oltre a mettere a rischio la vita di migliaia di disperati innocenti, espone sempre di più il nostro popolo europeo al ricatto di dittatori senza scrupoli: Gheddafi, Erdogan, Lukashenko…chi sarà il prossimo?”

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy