Cura Italia: Kaladich (Fidae), “ancora troppo poco per le scuole paritarie, a settembre rischiamo di non riaprire”

“Bene il sostegno di 2 milioni di euro per la didattica a distanza delle scuole paritarie ma serve qualcosa in più se vogliamo garantire la riapertura di tutti gli istituti quando ricomincerà l’anno scolastico, molto probabilmente a settembre”. Così Virginia Kaladich, presidente della Fidae, l’associazione delle scuole paritarie cattoliche. “Serve un fondo straordinario per garantire gli stipendi ai docenti e poi per venire incontro alle famiglie che stanno continuando a pagare le rette è necessario introdurre la piena detraibilità di tutte le rette pagate durante l’emergenza. Dispiace vedere le dichiarazioni di alcuni senatori – ha aggiunto la presidente – contrari ad ogni tipo di aiuto perché secondo loro si penalizza la scuola pubblica”. Evidentemente, ha concluso, “non sono a conoscenza del fatto che in Italia, per legge, il sistema scolastico pubblico è fatto di scuola statale e scuola paritaria. Far chiudere le scuole paritarie, negandogli i fondi in questo momento di emergenza, significa portare al collasso tutto il sistema scolastico”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy