Natale 2020: Rieti, inaugurata la quarta edizione della “Valle del primo presepe”

La Valle dei Presepi, Rieti

Ha preso il via ieri a Rieti la quarta edizione della “Valle del primo presepe”, iniziativa promossa dalla diocesi di Rieti in collaborazione con i Comuni di Greccio e Rieti, i frati minori francescani della Provincia di San Bonaventura, il sostegno della Fondazione Varrone, la Regione Lazio e la partecipazione dell’Associazione italiana amici del presepio e della Scuola interforze Nbc di Rieti. I presepi monumentali allestiti, riporta Frontierarieti.com, l’edizione on line del settimanale diocesano, “propongono un cammino spirituale che parte dal ‘Presepe di Francesco’ (2018) che mostra la rappresentazione del Natale del 1223 nella grotta di Greccio con alle spalle una scenografia che riprende elementi architettonici del paese e della città di Rieti. Segue l’opera “Dal perdono alla non violenza”, realizzata lo scorso anno per raccontare l’esperienza di san Francesco a Poggio Bustone collegandola idealmente all’incontro con il sultano Malek al-Kāmil, a 800 anni esatti dall’evento”. L’opera di quest’anno, realizzata dal maestro Francesco Artese, unisce invece Fonte Colombo e La Foresta, gli altri due luoghi per antonomasia della Valle Santa reatina. I cancelli di Palazzo Papale per visitare le opere monumentali del maestro Artese saranno aperti al pubblico a partire dalle ore 10 alle 20 inclusi festivi. L’accesso sarà opportunamente regolato in modo da evitare assembramenti. Tra le altre sedi della Valle del primo presepe finora aperte al pubblico vanno ricordate la cattedrale di Santa Maria che espone il presepe Staffa, mentre la basilica di Sant’Agostino in piazza Mazzini a partire da domenica 20 dicembre svelerà l’icona della Santa Madre di Dio Galactotrofusa realizzata dal parroco don Marco Tarquini. A Rieti da vedere anche è il presepe della pace pensato dall’artista reatino Renato Buccioni, realizzato nel 1980 con centinaia di blocchi di pietra e di cemento trasportati a spalla da tanti volontari. Rientrano inoltre nella manifestazione i presepi o le semplici Natività esposte nelle vetrine di alcuni esercizi commerciali della zona di Porta Romana e piazza Cavour. Rientra nel percorso della Valle il presepe a grandezza naturale del santuario di Poggio Bustone, aperto dalle ore 9 alle 12.45 e dalle ore 15 alle ore 18, con entrata contingentata di quattro persone alla volta, e sempre nel Montepiano reatino sarà possibile ammirare le idee presepiali per il Natale 2020 ideate dall’amministrazione e la comunità di Colli sul Velino.  Presepi anche a Leonessa, Amatrice e Accumoli.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy