Coranavirus Covid-19: Caritas Lecce, distribuzione pasti di mense per i poveri solo in contenitori da asporto

L’emergenza sanitaria a Lecce costringe la Caritas diocesana a rivedere l’azione caritatevole garantendo il rispetto delle norme emanate dal Governo a garanzia della salute dei poveri stessi e dei volontari. Per questo motivo fino al 15 marzo la distribuzione dei pasti nelle mense di Santa Rosa e della Casa della carità avverrà attraverso pasti pronti in contenitori adatti all’asporto. La Caritas leccese, che ha contemporaneamente annullato tutte le riunioni programmate, vuole in questo modo rispondere all’esigenza degli ospiti della casa di riposo per anziani adiacente alla mensa delle suore vincenziane di via Petraglione che resterà chiusa. Stessa modalità anche per le mense domenicali cittadine di Fulgenzio, San Lazzaro, San Giovanni Battista e San Nicola di Squinzano. Anche i punti-ristoro serali di Lecce (Fulgenzio, Sacro Cuore, Cattedrale, San Lazzaro, San Pio e San Massimiliano Kolbe) e di Santa Maria delle Grazie a Squinzano continueranno a offrire il servizio ma senza dare la possibilità di consumare il pasto in loco. Per quanto riguarda l’accoglienza notturna, fino al 15 marzo la Casa della carità offrirà ospitalità per il riposo notturno soltanto alle persone che già ne usufruiscono in questo momento. In questo periodo resteranno invece chiusi al pubblico l’Emporio della solidarietà di via Adua a San Luigi (Porta Napoli) e l’ambulatorio medico di Santa Maria dell’Idria.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy