Coronavirus Covid-19: petizione popolare al Parlamento Ue per una risposta globale alla pandemia

“Chiediamo al Parlamento europeo di mettere in campo meccanismi adeguati per riprendere il suo lavoro il più presto possibile e di organizzare uno spazio per l’elaborazione, la proposta e la mobilitazione di tutti gli strumenti possibili. L’attuale sistema istituzionale dell’Ue ha mostrato debolezza e inadeguatezza”. Questo invoca una petizione che oggi viene presentata al comitato preposto del Parlamento europeo, perché sia rilanciata “l’iniziativa di riforma democratica dell’Ue”. “Abbiamo bisogno che l’Ue assuma la leadership nell’attuare un piano d’azione in grado di affrontare azioni concrete a breve e nel medio termine”, si legge nel testo, “per rispondere alle sfide globali che stiamo affrontando oggi. Nessuno Stato può affrontare da solo le conseguenze”. I firmatari indicano 5 strade per superare la crisi: “Dare una risposta sistemica e comune dell’Ue alla crisi di Covid-19”; riformare “strumenti e competenze dell’Ue in materia di assistenza sanitaria e di protezione civile per rispondere alle epidemie”; attivare “tutte le misure di politica economica, finanziaria e monetaria per consentire all’Ue di sbloccare risorse”, ma anche “trasformare le prime fasi della Conferenza sul futuro dell’Europa in un’assemblea pubblica online e rimodellare i suoi obiettivi”. La petizione è sostenuta da oltre 7mila cittadini. Un aspetto singolare dell’iniziativa è stato l’invito ai firmatari a “metterci la faccia”: le prime frasi del testo della petizione sono comparse anche attraverso una serie di selfie degli aderenti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy