Coronavirus Covid-19: Latina, morto padre Settimio D’Ascenzo. Era l’esorcista diocesano

Nel pomeriggio di oggi, 22 febbraio 2021, è deceduto padre Settimio D’Ascenzo, di 81 anni, religioso dell’Ordine della Santissima Trinità, membro della comunità del santuario del Soccorso a Cori. Il decesso, si legge sul sito della diocesi di Latina-Terracina-Sezze-Priverno, è avvenuto presso l’ospedale di Latina “S. M. Goretti”, dove era ricoverato da alcuni giorni, a causa del Covid-19. Proprio per questo non sono previsti funerali pubblici; quando possibile sarà fissata una celebrazione di suffragio.
Padre Settimio D’Ascenzo era nato il 24 marzo 1939 a Cappadocia (L’Aquila). Nel 1955 venne ammesso al noviziato nei Trinitari. L’anno successivo a Cori emise la professione temporanea, poi il 28 settembre 1960 emise la professione solenne a Roma. Proseguì così lo studio di filosofia e teologia, per essere ordinato sacerdote il 05-04-1964. Venne assegnato al convento delle Fornaci, dove è restato per circa 30 anni occupandosi dell’apostolato parrocchiale. Nel 1990 venne trasferito a Rocca di Papa, per occuparsi dei giovani. Trascorse anche sette anni a Palestrina e infine nel 2003 è stato assegnato a Cori, dove per molti anni è stato rettore del santuario della Madonna del Soccorso. Su espresso mandato del vescovo diocesano, in tutti questi anni, ha assolto anche il servizio di esorcista diocesano.
Il vescovo Mariano Crociata e tutta la diocesi si uniscono alla comunità dei Trinitari nel cordoglio e nella preghiera di suffragio.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy