Scuola: ministero Istruzione, assegnati i 150 milioni del Dl Sostegni per il Piano estate

Oggi il ministero  dell’Istruzione ha assegnato a tutte le scuole sul territorio nazionale i 150 milioni stanziati dal decreto Sostegni che verranno impiegati per l’attuazione del Piano estate. Le risorse, dopo il necessario concerto con il ministero dell’Economia e delle finanze, sono ora disponibili e, dunque, utilizzabili da parte degli istituti scolastici, con una media di 18mila euro per scuola. A questo finanziamento si aggiungono le risorse (320 i milioni totali disponibili) dell’Avviso Pon pubblicato lo scorso 27 aprile e in scadenza il prossimo 21 maggio: le scuole stanno presentando in questi giorni le loro candidature. Così come sarà possibile accedere ai fondi, 40 milioni in tutto, messi a disposizione con un Avviso pubblicato oggi nell’ambito delle attività di contrasto delle povertà educative. Prosegue, poi, il lavoro di accompagnamento delle scuole nell’organizzazione delle attività del Piano estate, che mette a disposizione un totale di 510 milioni. Oggi è stata inviata alle istituzioni scolastiche la nota ministeriale relativa al finanziamento di 150 milioni in via di erogazione, sostanzialmente una guida all’uso di queste risorse. Nelle prossime settimane saranno organizzati ulteriori specifici incontri per illustrare alle scuole le diverse misure disponibili.
“Siamo al lavoro per costruire un ponte per il nuovo inizio. In queste settimane il mondo della scuola è impegnato per creare spazi e possibilità di potenziamento delle competenze e recupero della socialità di studentesse e studenti. Il ministero è al fianco del territorio e degli Istituti per promuovere questo nuovo percorso e accompagnare le scuole nel disegnarlo”, dichiara il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi.
I 150 milioni del decreto Sostegni sono distribuiti a tutte le istituzioni scolastiche sulla base del numero di alunni. La nota inviata oggi chiarisce come utilizzare le risorse, che vengono erogate per supportare le comunità scolastiche nella gestione della situazione emergenziale e nello sviluppo di attività pensate per potenziare l’offerta formativa extracurricolare, il potenziamento delle competenze di base, il consolidamento delle discipline, il recupero della socialità, della vita di gruppo delle studentesse e degli studenti anche nel periodo che intercorre tra la fine di questo anno scolastico e il prossimo. Sarà disponibile un help desk.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy