Parlamento Ue: Sassoli su risoluzione che chiede duemila miliardi per l’economia. “Messaggio forte ai Governi: fare presto e bene”

“Risoluzione molto importante e molto politica, che ha avuto un grandissimo consenso da parte dei parlamentari e dei gruppi politici. Questa giornata ribadisce un messaggio forte alle istituzioni e ai Governi: fare presto e fare bene. La risoluzione chiede a Consiglio e Commissione un piano di ripresa rapida e risorse immediate. L’ambizione per il periodo di ricostruzione deve essere all’altezza delle domande dei nostri cittadini e delle imprese”. Il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, commenta così il voto con cui la plenaria ha approvato una risoluzione in cui si chiede un piano da duemila miliardi per sostenere l’economia europeo che, a causa della pandemia, sarà colpita da un profondo periodo di recessione. “Il Parlamento vuole essere protagonista di questa fase e chiede alla Commissione di attivare immediatamente l’art. 324” del Trattato “per un vero negoziato tra le istituzioni sul Quadro finanziario pluriennale e sul piano per la ricostruzione. Non accetteremo di stare fermi ad aspettare, il Parlamento non è una buca delle lettere”. Per Sassoli il bilancio Ue “deve includere un aumento delle risorse proprie effettive per essere finanziato in modo adeguato e sostenibile. Dobbiamo essere ambiziosi e agire rapidamente. In queste settimane decideremo cosa sarà la Ue dei prossimi anni”. Il 27 maggio la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen presenterà, nel corso di una plenaria straordinaria, il Piano di ricostruzione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy