Papa Francesco: sfollati “non sono numeri, ma persone”

“Accogliere, proteggere, promuovere e integrare”. Sono i quattro imperativi rilanciati dal Papa nel Messaggio per la Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato, aggiunti a sei coppie di verbi “che corrispondono ad azioni molto concrete, legate tra loro in una relazione di causa effetto”. “Bisogna conoscere per comprendere”, il primo invito: “La conoscenza è un passo necessario verso la comprensione dell’altro. Lo insegna Gesù stesso nell’episodio dei discepoli di Emmaus”. “Quando si parla di migranti e di sfollati troppo spesso ci si ferma ai numeri”, la denuncia di Francesco: “Ma non si tratta di numeri, si tratta di persone! Se le incontriamo arriveremo a conoscerle. E conoscendo le loro storie riusciremo a comprendere. Potremo comprendere, per esempio, che quella precarietà che abbiamo sperimentato con sofferenza a causa della pandemia è un elemento costante della vita degli sfollati”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy