Papa Francesco: “avvicinarsi al prossimo è correre dei rischi, come ci hanno insegnato tanti dottori e infermieri”

“Le paure e i pregiudizi – tanti pregiudizi – ci fanno mantenere le distanze dagli altri e spesso ci impediscono di ‘farci prossimi’ a loro e di servirli con amore”. Lo spiega il Papa, nel  messaggio per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, in cui ricorda che “è necessario farsi prossimo per servire. Sembra scontato, ma spesso non lo è”.  “Avvicinarsi al prossimo – ricorda Francesco – spesso significa essere disposti a correre dei rischi, come ci hanno insegnato tanti dottori e infermieri negli ultimi mesi. Questo stare vicini per servire va oltre il puro senso del dovere; l’esempio più grande ce lo ha lasciato Gesù quando ha lavato i piedi dei suoi discepoli: si è spogliato, si è inginocchiato e si è sporcato le mani”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy