Ucraina: telefonata Antonio Guterres (Onu) e S.B. Shevchuk (greco-cattolici) per tregua pasquale e apertura corridoi umanitari

(Foto ANSA/SIR)

Martedì 19 aprile, il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha avuto un colloquio telefonico con Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk, capo della Chiesa greco-cattolica ucraina, per informarlo del suo appello per un cessate il fuoco pasquale in Ucraina. Il segretario generale delle Nazioni Unite – informa una nota del dipartimento dell’informazione della Chiesa greco-cattolica ucraina – ha detto al capo dell’Ugcc che, d’accordo con Papa Francesco e a nome dell’Onu, ha chiesto un cessate il fuoco pasquale affinché tutti i cristiani possano celebrare pacificamente la Pasqua, compresi i russi che, come i cristiani in Ucraina, il 24 aprile celebreranno la Pasqua. Il cessate il fuoco può inoltre consentire l’evacuazione delle persone dalle città più a rischio, aprendo corridoi umanitari, e l’arrivo sul posto dell’assistenza umanitaria necessaria. Antonio Guterres ha detto di sperare che la sua richiesta di tregua a nome delle Nazioni Unite venga ascoltata. Sua Beatitudine Sviatoslav ha informato il segretario generale delle Nazioni Unite che il Consiglio panucraino delle Chiese e delle organizzazioni religiose aveva lanciato un appello simile, dando disponibilità a collaborare affinché i corridoi umanitari fossero aperti, in primo luogo, e affinché funzionassero, in secondo luogo. “Tutte le Chiese sono pronte a unirsi all’organizzazione di questi corridoi umanitari, così come all’evacuazione delle persone da luoghi pericolosi e alla consegna di beni umanitari dove è più necessario”, ha affermato l’arcivescovo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy