Economia: Istat, fatturato dei servizi in calo del 6,2% nel primo trimestre 2020. “Crisi senza precedenti”

Nel primo trimestre 2020 si stima che l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi diminuisca del 6,2% rispetto al trimestre precedente e che l’indice generale grezzo registri una diminuzione, in termini tendenziali, del 7,2%. È quanto comunica oggi l’Istat diffondendo i dati relativi al “Fatturato dei servizi” per il primo trimestre 2020. Registrate variazioni congiunturali negative in tutti i settori. In particolare, una diminuzione del 24,8% per le attività dei servizi di alloggio e ristorazione, del 6,4% per il trasporto e magazzinaggio, del 6% per il commercio all’ingrosso, commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli e del 2% per le agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese. Notevolmente più contenute risultano le flessioni nei settori dei servizi di informazione e comunicazione (-0,9%) e delle attività professionali, scientifiche e tecniche (-0,4%). “Nel primo trimestre 2020 le condizioni della domanda e le misure di contenimento dell’epidemia di Covid-19 determinano una forte diminuzione del fatturato delle imprese dei servizi – spiega l’Istat -. La flessione ha raggiunto, su base tendenziale, valori simili a quelli registrati durante la crisi del 2008-2009, mentre il calo congiunturale non ha precedenti (le serie storiche disponibili hanno inizio nel 2001). I cali del fatturato hanno colpito in misura diversa i principali comparti, risultando particolarmente marcate in quelle attività maggiormente interessate dai provvedimenti di chiusura per il contenimento dell’emergenza sanitaria, quali quelle legate alla filiera del turismo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy