Diritto canonico: Giuristi per la pastorale, fondato un gruppo in aiuto alle diocesi per le “questioni complesse”

Un gruppo di lavoro formato da docenti universitari, avvocati rotali e della Curia Romana, giudici ecclesiastici, avvocati civilisti e penalisti per offrire un servizio di consulenza a vescovi, preti, laici nelle diverse diocesi per aiutare a trovare una soluzione a tutte le situazioni giuridiche complesse di Diritto canonico e civile. È nato così  “Giuristi per la pastorale” con competenze su questioni penali, amministrative, matrimoniali, patrimoniali. Un’iniziativa che nasce dall’esperienza di don Giorgio Giovanelli, parroco nelle Marche e docente di Diritto canonico, nonché vicario giudiziale diocesano, cancelliere generale e referente per il Servizio per la tutela dei minori. “Vogliamo rispondere al costante monito di Papa Francesco che ci invita ad uscire, ad andare, lì dove la Chiesa ha bisogno, nei vari contesti ecclesiali, nelle periferie esistenziali e sociali per offrire quel vino e quell’olio di consolazione di cui tanto, l’uomo di oggi, ha bisogno – spiega il sacerdote -. Spesso mi trovo di fronte a situazioni che richiedono specializzazione e competenze necessarie per offrire risposte concrete, valide e soprattutto vere alle persone coinvolte. Diverse volte ho notato smarrimento, confusione e, per questo, ho pensato a come poter essere ‘Chiesa in uscita’ per aiutare, in primis, i vescovi delle varie diocesi ed essere così di sostegno al loro ministero episcopale come anche i sacerdoti, i religiosi e tutte le persone che dovessero trovarsi nella necessità”. A raccogliere l’invito a partecipare al gruppo di don Giovanelli sono stati mons. Antonio Interguglielmi, a lungo direttore dell’Ufficio per le aggregazioni laicali e le confraternite e vice direttore dell’Ufficio amministrativo del Vicariato di Roma; i professori Marcello Volpe e Mario Ferrante; gli avvocati Alessia Gullo e Fabio Freda.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy