Sport: Forum Terzo settore, “con correttivi finalmente più chiarezza. Bene un Registro nazionale delle attività dilettantistiche”

“Con il decreto correttivo alla Riforma dello sport, approvato ieri in Consiglio dei ministri, si fa finalmente chiarezza sulla situazione di associazioni e società sportive dilettantistiche, che possono ora tirare un sospiro di sollievo. I segnali di allarme lanciati negli ultimi mesi sono stati ascoltati e siamo soddisfatti che le nuove norme vadano nella direzione da noi auspicata”. Così Bruno Molea, coordinatore della Consulta sport e benessere del Forum Terzo settore. “Particolarmente importante – prosegue – è l’aver previsto un Registro nazionale delle attività sportive dilettantistiche, gestito dal Dipartimento per lo Sport, che permetterà di assolvere agli adempimenti previdenziali relativi ai rapporti di lavoro degli Enti sportivi. Al Registro, poi, è consentita l’iscrizione anche alle cooperative sociali e altri enti di Terzo settore: un’apertura che apprezziamo particolarmente”. “Positivi anche l’inquadramento della figura del lavoratore sportivo e del volontario e la disciplina fiscale e previdenziale che prevede, tra le altre cose, un graduale accesso al nuovo quadro normativo, in un periodo di 5 anni, ammortizzando così i costi per le società sportive”. “Quello di ieri – sottolinea – è l’atto conclusivo di una riforma iniziata ormai diversi anni fa, ma non la conclusione di un percorso che vogliamo continuare a portare avanti, al fine di promuovere e valorizzare sempre di più lo sport dilettantistico e tutelare i diritti di chi lo anima”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy