Hospice perinatale: Policlinico Gemelli, sabato il quarto corso di formazione promosso da “Il Cuore in una Goccia”. Quest’anno rivolto anche ai giornalisti

Si terrà sabato 21 maggio, presso l’Aula Brasca del Policlinico Gemelli di Roma, il quarto corso di formazione organizzato dalla Fondazione il Cuore in una Goccia. L’evento, patrocinato dalla Fondazione Policlinico universitario “A. Gemelli” Irccs e dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, quest’anno si accompagna ad una proposta formativa indirizzata non solo ai medici e agli operatori sanitari ma anche ai giornalisti e agli operatori della comunicazione. Obiettivo, far conoscere la realtà dell’Hospice perinatale che sebbene ancora non sufficientemente diffusa e conosciuta, rappresenta la risposta concreta ed esaustiva alla diagnosi prenatale patologica e a tutte le ricadute (fisiche, psicologiche, sociali e spirituali) che questa produce nella vita del bambino, della donna e dell’intero nucleo familiare.
Il coinvolgimento del mondo dei media si lega alla necessità impellente, di cui la Fondazione il Cuore in una Goccia si fa portavoce, di fare informazione e “creare i presupposti culturali affinché le famiglie che ricevono una diagnosi prenatale di patologia del proprio bambino, e che si ritrovano in una condizione di grande solitudine e sofferenza, possano trovare risposte assistenziali consone alla complessità delle diagnosi ricevute e volte a tutelare la vita e la salute del nascituro”, si legge in un comunicato. Infatti, “la carenza di informazione, di percorsi assistenziali specifici, di strutture altamente specializzate sui territori, nonché il grave gap conoscitivo in termini di storia naturale di alcune patologie prenatali, si traducono spesso nell’indirizzamento della coppia verso l’interruzione di gravidanza negando di fatto loro il diritto ad un’alternativa concretamente percorribile” Di qui l’importanza di “fornire un’alfabetizzazione sulle implicazioni medico-scientifiche e psicosociali della gravidanza patologica e sulle cure fetali ad oggi esistenti, ed evidenziare gli aspetti attrattivi dell’Hospice per favorire una narrazione mediatica dei temi della fragilità prenatale, della disabilità e della dignità della vita superando le “resistenze” che tali argomenti possono suscitare nei processi di selezione delle notizie”.
I temi del corso saranno sviluppati, oltre che dai professionisti dell’Hospice perinatale del Gemelli, esperti delle problematiche legate alla vita prenatale, anche da esponenti del mondo giornalistico e letterario. Info e iscrizioni: www.ilcuoreinunagoccia.org

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy