Cile: conclusa Assemblea ecclesiale nazionale. Card. Aós, “l’ora della speranza”. In apertura il messaggio del Papa

Nella sua omelia, il cardinale celestino Aós ha ringraziato quanto vissuto durante l’Assemblea ecclesiale nazionale, che è stata parte di un processo a cui hanno partecipato centinaia di comunità e parrocchie provenienti da tutto il Cile. “Siamo chiamati a essere una Chiesa piena di speranza, ecco perché la prima cosa è un sano realismo per vedere il bene, le meraviglie che Dio continua a operare. Quante brave persone ci sono nella nostra Chiesa, nel nostro mondo? Per me, la Chiesa spera perché prega. E abbiamo pregato insieme. Mi congratulo con ciascuno dei partecipanti per questo. Una Chiesa che prega, che celebra i sacramenti, che annunzia la parola di Dio, che non si limita a semplici riti, è acqua che purifica e guarisce”, ha affermato.
“Beati noi che abbiamo partecipato a questa assemblea, perché questa assemblea significa speranza – ha proseguito l’arcivescovo -. Questa assemblea è realtà e ancora una volta è speranza. Ognuno di voi viene mandato in missione. Lo spirito del Signore mi ha unto per mandarmi e ciascuno di voi deve condividere nelle vostre comunità ciò che abbiamo vissuto e ascoltare l’invito di Gesù a Francesco d’Assisi: ‘Andate e riparate la mia Chiesa, che minaccia di andare in rovina’. La domanda più grande non sarà cosa ha fatto l’assemblea, ma cosa volete di fare, perché non andremo lontano da soli”, ha invitato il cardinale Aós.
L’assemblea era iniziata venerdì, con la lettura del messaggio di Papa Francesco, letto dal nunzio apostolico in Cile, mons. Alberto Ortega: «Sua santità vi invita a vivere questi giorni con cuore ben disposto affinché, sensibili all’ispirazione dello Spirito Santo, sappiate discernere la loro chiamata a essere evangelizzatori, intrepidi testimoni della luce della fede”. Lo stesso Spirito “vi incoraggia anche a prendere coscienza della vostra missione di discepoli missionari del vangelo di Gesù Cristo, membri del popolo di Dio e protagonisti della Chiesa sinodale, profetica e di speranza che, nel suo cammino in Cile, è chiamata a costruire con creatività e coraggio, in unione con i suoi pastori, una cultura basata sui valori dell’amore cristiano, della famiglia, del rispetto della vita e della dignità di tutti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy