Coronavirus Covid-19: Mondovì, a maggio nelle chiese e nei santuari si prega per la fine della pandemia. Il vescovo Miragoli, “uniti nella supplica”

“Sta per iniziare il mese di maggio tradizionalmente dedicato alla devozione alla Madonna con la preghiera del Rosario. Quest’anno Papa Francesco ci chiede una preghiera corale, universale. L’iniziativa proposta coinvolgerà tutti i Santuari del mondo, perché si facciano promotori presso i fedeli, le famiglie e le comunità della recita del Rosario per invocare la fine della pandemia”. Lo ha scritto il vescovo di Mondovì, mons. Egidio Miragoli, nella lettera inviata alla comunità diocesana per informarla che “accogliamo volentieri la proposta di unirci in questa supplica, ben consapevoli di quanto sia ancora difficile il momento presente e di quanto sarà problematica la ripresa dei ritmi normali della vita sociale ed ecclesiale”.
Diverse le proposte suggerite dal vescovo: in ogni parrocchia si proponga la recita del Rosario e al termine venga recitata la preghiera diocesana alla Regina del Monte Regale preparata per questo tempo di pandemia; al santuario di Vicoforte, nei giorni feriali alle 17.30 e nei festivi alle 15.30 verrà recitato il Rosario, che potrà essere seguito in diretta sul sito web del santuario stesso. Mons. Miragoli, che nel corso del mese parteciperà alla recita del Rosario in alcuni santuari della diocesi, domani sarà al santuario del Deserto in Valle Bormida, alle 20.30 presiederà la recita della preghiera mariana. Sempre domani sera anche il vicario generale, don Flavio Begliatti, presiederà il Rosario al Santuario di Valsorda.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy