Papa Francesco: pandemia porti a “imperativo morale a proteggere la vita, a cominciare dai più vulnerabili”

In questi giorni di pandemia, “la speranza” è che “nell’attuale crisi, tutto porti a un maggiore apprezzamento dell’imperativo morale a costruire una ‘cultura della vita’, caratterizzata da una sempre maggiore preoccupazione a coltivare, proteggere e promuovere il benessere integrale di tutti i figli di Dio, a cominciare dai più vulnerabili”. È quanto si legge in un messaggio di Papa Francesco – arrivato tramite la Segreteria di Stato – per la Giornata della vita che le Conferenze episcopali di Scozia, Inghilterra e Galles e Irlanda, con lo slogan “Choose Life”, celebreranno rispettivamente il 31 maggio, il 21 giugno e il 1° ottobre. “In questi giorni in cui il nostro mondo sta affrontando le sfide della pandemia di Coronavirus – si legge nel messaggio –, il Santo Padre chiede ai fedeli di pregare per tutte quelle famiglie, volontari e operatori sanitari impegnati, spesso eroicamente, nella cura e nella guarigione della sofferenza, e per tutti quelli che, in mezzo alla continua ‘pandemia’ di povertà e guerra, lavorano per sostenere il valore e la dignità dati da Dio a ogni persona umana”. “Con questi sentimenti, il Santo Padre dà la certezza della sua vicinanza nella preghiera e impartisce cordialmente la sua Benedizione Apostolica come pegno di gioia e pace nel Signore”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy