Ue-Regno Unito: Brexit, le salsicce dividono l’Europa da Londra. Negoziato in salita sul Nord Irlanda

(Foto SIR/Commissione europea)

Riprendono oggi a Londra i negoziati sulla tormentata questione del confine nordirlandese tra il ministro per la Brexit, Lord Frost, e il vicepresidente della Commissione europea, Maroš Šefčovič. Alla vigilia la Ue ha avvertito il Regno Unito di non violare di nuovo il protocollo nordirlandese, che lega il nord Irlanda al mercato europeo, tracciando il confine tra la Gran Bretagna e la sua provincia all’estremo nord dentro il mare d’Irlanda. Secondo gli accordi del protocollo nordirlandese che fanno parte del trattato sulla Brexit, alla fine di giugno finisce il periodo di grazia durante il quale le regole europee sull’import ed export non vengono applicate al Nord Irlanda. Lo scorso marzo, però, il governo di Boris Johnson ha deciso, in modo unilaterale, di allungare fino ad ottobre la sospensione di dazi e tariffe provocando un’azione legale da parte della Ue. L’ultimo scontro tra Ue e Gran Bretagna riguarda le salsicce. Le regole del mercato europeo sull’importazione di cibo dicono che la carne surgelata non deve entrare nella Ue da Paesi non europei come la Gran Bretagna. Per sei mesi, durante il periodo di grazia, questo è successo e le salsicce sono arrivate in Europa dal Nord Irlanda. Mentre la Gran Bretagna vuole che le importazioni continuino e chiede alla Ue di spiegare perché questo non è possibile, la Commissione Ue ha confermato che gli accordi della Brexit vanno rispettati.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy