Rapporto Moneyval: Santa Sede, “soddisfazione” per riconoscimento misure adottate. Barbagallo (Asif), “incoraggiamento a fare ancora meglio”

“La Santa Sede accoglie con soddisfazione il Rapporto Moneyval pubblicato in data odierna e l’incoraggiamento a proseguire sulla strada intrapresa”. È quanto si legge in una nota diffusa oggi dalla Sala stampa vaticana. “Con il riconoscimento della efficacia delle misure adottate da tutti gli organismi coinvolti nel contrasto del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo – si legge ancora nella nota – le autorità della Santa Sede assicurano il proprio impegno nel continuare il percorso di piena conformità ai migliori parametri internazionali e, a tale fine, valuteranno con attenzione le raccomandazioni contenute nel Rapporto”. In materia di lotta al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo, si legge in particolare nel Rapporto Moneyval, la Santa Sede ha ottenuto 5 giudizi di efficacia “sostanziale” e 6 di efficacia  “moderata”. In nessun caso l’efficacia è stata giudicata “bassa”. Le raccomandazioni espresse dal rapporto di Moneyval nei confronti della giurisdizione vaticana costituiscono un incoraggiamento a fare ancora meglio, tenendo sempre alta la qualità delle risorse umane impiegate e rafforzando l’attività di tutte le autorità coinvolte nella lotta al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo”. Così Carmelo Barbagallo, presidente dell’Asif (Autorità di supervisione e informazione finanziaria), che ha guidato la delegazione vaticana durante il processo di valutazione, commenta il Rapporto Moneyval. “Sono consigli che aiutano il Vaticano a concorrere a realizzare, in condizioni di massima trasparenza e correttezza finanziaria, il fine ultimo della missione della Chiesa”, prosegue Barbagallo in un’intervista rilasciata a Vatican News, facendo notare che nel Rapporto “viene riconosciuto quanto è stato costruito lungo gli anni, frutto di un grande lavoro di squadra”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy