Africa: Amref, tre artisti africani e cinque storie illustrate per sfatare stereotipi e pregiudizi

Cinque storie illustrate raccontano un viaggio nell’Africa che riesce a superare stereotipi e pregiudizi. I protagonisti sono il leone e la gazzella del famoso proverbio africano. È l’iniziativa di Amref health Africa, una campagna creativa, realizzata dall’agenzia SuperHumans, con le illustrazioni di tre artisti emergenti africani: Musa Omusi, Nancy Cherwon e Sinalo Ngcaba. La voce nei video è dell’artista Metuchela Fumumba Bala, mentre la colonna sonora è di DJ Khalab, musicista italiano che sperimenta nuovi incroci tra musica elettronica, tradizione africana e jazz. Il primo episodio de “Il viaggio del leone e della gazzella” è già online sui canali social di Amref. Domani, giovedì 10, verrà lanciato il secondo, mentre gli altri tre saranno pubblicati nel mese di giugno. Amref prosegue così il suo lavoro di narrazione positiva e alternativa dell’Africa:  nei cinque episodi illustrati i due protagonisti ribaltano gli stereotipi che descrivono l’Africa come una terra inerme e priva di prospettive raccontando, invece, la sua storia millenaria, la sua diversità culturale, la rapida crescita delle sue città e la diffusione sempre più presente di nuove tecnologie. Da ricordare che l’Africa è un continente composto da 54 Paesi in cui si parlano oltre 1.500 lingue. Il 16% della popolazione mondiale vive in Africa. Ha una storia millenaria che inizia con quella dell’uomo. La parte centrale dell’Africa orientale, la Rift Valley, è considerata da molti studiosi il luogo di origine degli esseri umani. L’Africa non è fatta solo villaggi e capanne: delle 30 città nel mondo con la maggiore ascesa economica, 21 sono in Africa. Il 39% delle persone vive in città. Entro il 2025 circa un miliardo di africani (l’84% della popolazione) avrà una connessione internet. In Kenya il 73% della popolazione ha un account per fare pagamenti in modalità mobile.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy