Coronavirus Covid-19: Oxfam, 170 Premi Nobel ed ex capi di Stato chiedono a Biden la sospensione dei brevetti dei vaccini

Più di 170 tra Premi Nobel ed ex capi di Stato e di governo hanno inviato oggi una lettera aperta al Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, invitandolo a sostenere la proposta di sospensione dei diritti di proprietà intellettuale concessi alle case farmaceutiche sui vaccini Covid-19, con l’obiettivo di consentirne l’accesso in tutto il mondo e poter così fermare la pandemia. L’iniziativa coordinata dalla People’s vaccine alliance (Pva), di cui fanno parte Oxfam ed Emergency, vede tra i primi firmatari gli ex Presidenti del Consiglio Romano Prodi e Mario Monti, l’ex Premier britannico Gordon Brown, l’ex Presidente della Colombia Juan Manuel Santos, l’ex Presidente della Liberia Ellen Johnson Sirleaf, l’ex Presidente della Francia François Hollande e i Premi Nobel Joseph Stiglitz, Francoise Barre-Sinoussi e Muhammad Yunus.  “Che questo momento sia ricordato nella storia, come quello in cui abbiamo anteposto la salute di tutti agli interessi di pochi”, scrivono i firmatari, invitando gli Stati Uniti a sostenere la proposta avanzata dai governi di Sud Africa e India all’Organizzazione mondiale del commercio (Omc) che renderebbe possibile una campagna di vaccinazione di massa in tutto il mondo. L’appello sottolinea inoltre come all’attuale ritmo di produzione di vaccini, la maggior parte delle nazioni povere dovrà aspettare il 2024 per immunizzare la propria popolazione. Tra gli altri firmatari ci sono il premio Nobel per la Pace Michail Gorbaciov, Mary Robinson, ex presidente dell’Irlanda, il premier spagnolo José Zapatero, insieme ad altri 60 ex capi di Stato e di governo di tutto il mondo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy