Patto Ue su migrazione e asilo: parere positivo da Consiglio d’Europa e Ohchr, “politiche sostenibili solo se sono radicate nei diritti umani”

Con un comunicato congiunto, Consiglio d’Europa e Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) hanno espresso parere positivo al piano per le migrazioni presentato ieri dalla Commissione europea. “Offre un’opportunità per una governance della migrazione più efficace in Europa, basata sull’impegno per i diritti umani e sul rispetto della dignità dei migranti”, ha affermato Drahoslav Štefánek, rappresentante speciale del Segretario generale del Consiglio d’Europa per la migrazione e i rifugiati, sottolineando come positivo il fatto che il Patto definisca doveri nei confronti dei migranti in situazioni di vulnerabilità, come i minori non accompagnati. Per Birgit Van Hout, rappresentante regionale per l’Europa dell’Ohchr, il Patto esprime “chiaramente l’impegno dell’Ue per un ordine globale basato su regole” ed è “un’opportunità unica per dare l’esempio”. Per Van Hout “le politiche migratorie sono sostenibili solo se sono radicate nei diritti umani e attuate in conformità con gli standard internazionali e regionali”, quindi con “il divieto di detenzione arbitraria ed espulsioni collettive, come i respingimenti” e le garanzie di “un giusto processo e espulsioni sicure e dignitose”. Positivo anche il fatto che il Patto preveda “un meccanismo di monitoraggio indipendente per garantire il rispetto dei diritti umani”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy