Coronavirus Covid-19: diocesi Bolzano-Bressanone, sospese tutte le messe. Le chiese restano aperte per la preghiera personale

Accogliendo il nuovo Decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri per il contenimento del contagio da Coronavirus Covid-19 e in base a quanto stabilito la Conferenza episcopale italiana, nella diocesi di Bolzano-Bressanone sono sospese tutte le messe e tutte le celebrazioni religiose. Le chiese e le cappelle presenti sul territorio diocesano rimarranno aperte per la preghiera personale. Lo ha stabilito nel tardo pomeriggio di ieri il vescovo Ivo Muser. Per quanto riguarda i funerali, “le esequie potranno avvenire esclusivamente al cimitero, all’aperto, alla presenza dei parenti più stretti, mantenendo la distanza di almeno un metro tra i presenti e astenendosi dalla stretta di mano per le condoglianze; la celebrazione in memoria del defunto sarà recuperata in un momento successivo”. Annullati tutti gli incontri e le manifestazioni organizzati dalla Diocesi, tra i quali anche la giornata di ritiro per i sacerdoti e i diaconi che si sarebbe dovuta tenere martedì prossimo, 17 marzo. Sospesi anche i viaggi organizzati dall’Ufficio pellegrinaggi. Chiusi al pubblico anche la Hofburg di Bressanone e la biblioteca e mediateca che ha sede nel Centro pastorale di Bolzano. “Nelle parrocchie e nelle altre strutture possono svolgersi incontri solo se viene garantito il rispetto di una distanza minima di sicurezza di un metro tra tutti i presenti”, si legge nel documento del vescovo. “È una decisione dolorosa, ma necessaria – sottolinea mons. Muser – che è espressione della nostra responsabilità e solidarietà per il bene dell’intera società. Proprio in questi tempi difficili si possa noi riscoprire quanto sia importante la comunità dei credenti, l’ascoltare assieme la Parola di Dio, la celebrazione dell’Eucaristia e dei sacramenti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy