Solidarietà: Frosinone, la Bottega Equa devolve parte dei ricavi natalizi a una casa di accoglienza per persone con disabilità

“Un Natale buonissimo” è lo slogan di un’iniziativa lanciata dalla Bottega Equa di Frosinone, che in occasione delle festività ha deciso di destinare al centro per persone con disabilità “Casa dell’Amicizia” di Ceccano (Fr) una parte dei ricavi della vendita dei cesti natalizi. “La bontà quindi non sarà dunque solo quella dei prodotti equo-solidali e a chilometro zero contenuti nei cesti, ma anche quella del gesto di vicinanza verso questa realtà, che vogliamo far conoscere a più persone possibili”, spiegano al Sir dall’équipe della Bottega Equa, nata nel 2005 e gestita dalla cooperativa Diaconia, ente gestore delle attività e servizi della diocesi di Frosinone-Veroli-Ferentino. “Ogni cesto venduto sarà confezionato con un fiocco realizzato dagli ospiti del centro”. La Casa dell’Amicizia, anche essa retta da Diaconia, è un centro diurno che accoglie persone con problemi fisici, sensoriali e psichici e li accompagna, attraverso attività e laboratori, in un percorso verso una progressiva autonomia. “Durante tutta la pandemia, la Casa dell’Amicizia non ha mai sospeso le sue attività”, aggiungono dalla Bottega Equa. “Anche durante il lockdown, operatori e volontari hanno continuato a seguire gli ospiti con attività a distanza in stretta collaborazione con le famiglie. Oggi le attività vengono svolte presso il centro in piccoli gruppi e nel rispetto delle norme anti Covid-19”, concludono. Presso la Bottega equa di Frosinone è inoltre disponibile il calendario “Scatti di autonomia”, che in dodici mesi racconta vita e attività all’interno della Casa dell’Amicizia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy