This content is available in English

Polonia: vescovi, messaggi e iniziative per l’Avvento. “Aprire i cuori alla speranza portata da Cristo”

Nel messaggio per l’Avvento la presidenza dell’episcopato polacco (composta dal presidente dei vescovi mons. Stanisław Gądecki, il vicepresidente mons. Marek Jędraszewski e il segretario generale mons. Artur Miziński) chiede ai fedeli “di aprire i cuori alla speranza portata da Cristo”. I presuli auspicano un “rafforzamento della fede” che porta alla “trasformazione non solo dei singoli ma di tutta la società” e incoraggiano, nel periodo precedente il Natale, la partecipazione alle tradizionali liturgie mattutine, al sacramento della penitenza e all’adorazione del Santissimo, individuale e comunitaria, nel rispetto delle norme sanitarie vigenti. Il messaggio sottolinea inoltre la necessità di preghiera per “la pace e l’identità cristiana” dei polacchi. L’arcivescovo di Cracovia, mons. Marek Jędraszewski, alla vigilia dell’Avvento, oltre al messaggio della presidenza di cui è membro, ha anche rivolto alla sua diocesi un pressante appello ad accogliere ogni figlio che, anche se malato o malformato, “non può essere considerato peso né minaccia” come “vorrebbero i promotori dell’uccisione dei bambini non ancora nati, nel nome di una libertà assoluta”. L’arcivescovo di Katowice, mons. Wiktor Skworc invece, come presidente del Consiglio per la pastorale dell’episcopato, ha ricordato in un proprio messaggio l’inizio del nuovo anno pastorale nell’ambito del triennio dedicato all’Eucaristia. Sottolineando che “in ultima analisi, la pandemia ha fatto sì che la Chiesa, privata di molti mezzi propri, predica la Buona Novella molto più di prima, evangelizzando e catechizzando le moltitudini di fedeli”, il presule ha anche ribadito l’incremento delle attività caritatevoli della Chiesa, così come la crescita del volontariato.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy