Coronavirus Covid-19: Regno Unito, dal governo 330 miliardi di sterline per imprese e lavoro. Ma le scuole restano aperte

(Londra) Mentre il conto dei britannici contagiati dal coronavirus cresce rapidamente con altri 407 colpiti nelle ultime ore e 71 morti, un importante pacchetto di misure per proteggere l’economia è stato annunciato dal premier Boris Johnson e da Rishi Sunak, cancelliere dello Scacchiere, il ministro delle finanze e del tesoro, nella seconda conferenza stampa quotidiana dedicata alla pandemia. Eliminazione di tasse e iniezione di contante per aziende piccole e grandi. Accesso ad almeno 330 miliardi di sterline, oltre 363 miliardi di euro di contante per aziende e lavoro. Se operano nel settore tempo libero e commercio al dettaglio, aziende e negozi potranno contare su pacchetti di aiuto di 25mila sterline ciascuno, circa 27.500 euro. I ratei dei mutui verranno sospesi per tre mesi per chi si trova in difficoltà e le tasse per dodici mesi per negozi e pub. Nel corso della giornata il Foreign Office, il ministero degli esteri, ha chiesto a tutti i cittadini britannici di non viaggiare all’estero per almeno un mese, aggiungendo la propria voce a quella del premier che ha detto di sospendere anche gli spostamenti dentro il Regno Unito. Il premier britannico, insieme all’esperto sir Patrick Vallance, Chief Scientific Adviser, hanno ripetuto che non introducono, per il momento, misure più drastiche, come la chiusura delle scuole, per proteggere il sistema sanitario dal momento che molti genitori, soprattutto donne, sono infermieri o dottori.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy