Incontro vescovi e sindaci del Mediterraneo: mons. Shevchuk (Ucraina), “in questo momento così drammatico mi sento in dovere di stare con il mio popolo”

“La situazione attuale richiede la mia presenza nel paese e mi sento in dovere di stare con il mio popolo, in veglia e in preghiera per la pace”. Con queste parole, Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk, capo della Chiesa greco-cattolica ucraina, spiega in un messaggio inviato ai partecipanti la sua mancata presenza all’incontro dei vescovi e dei sindaci del Mediterraneo che alla presenza del premier Mario Draghi è cominciato oggi a Firenze. “La Pira – scrive l’arcivescovo maggiore – invita tutti noi a non stancarci mai di pregare, sperare, operare per la pace e per la prosperità di tutte le nazioni. In questo momento così drammatico per il mio popolo, sono sicuro che comprenderanno le mie motivazioni. Desidero esprimere un ringraziamento alla Chiesa italiana, per la costante vicinanza con il popolo ucraino, per il suo forte appello per la pace. Vi chiedo di continuare a pregare”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy