Mozambico: Msf, “violenze e cicloni sono le sfide quotidiane degli sfollati a Cabo Delgado”

In Mozambico, tra i Paesi più a rischio per eventi metereologici estremi, “è iniziata la stagione dei cicloni, mentre una parte significativa della popolazione della provincia di Cabo Delgado è oggi particolarmente vulnerabile a causa delle violenze e della mancanza di accesso alle cure mediche”. Lo ricorda oggi, in una nota, Medici senza frontiere (Msf), precisando che “la crisi è concentrata nel centro della provincia, in particolare nei distretti di Meluco e Macomia meridionale, dove le autorità locali hanno riportato, nelle ultime settimane, oltre 20 attacchi in 4 villaggi, con 2.800 case danneggiate o distrutte dal fuoco. Dalla fine di gennaio, più di 14.000 persone sono state costrette a lasciare le proprie abitazioni a causa dell’inasprirsi del conflitto e ancora oggi sono alla ricerca di sicurezza e beni di prima necessità. Si tratta del più grande sfollamento degli ultimi mesi”.
“Gli attacchi violenti e la costante insicurezza in diversi distretti nella parte centrale della provincia di Cabo Delgado hanno spinto migliaia di persone ad abbandonare le proprie abitazioni con le poche cose che riuscivano a portare con sé. Nel frattempo, è iniziata la stagione delle piogge con l’arrivo di un ciclone – dichiara Raphael Veicht, responsabile dell’unità di emergenza di Msf -. Una combinazione molto pericolosa. Le nostre équipe stanno rispondendo a questi nuovi sfollamenti forzati fornendo cure mediche di base e beni di prima necessità. Siamo estremamente preoccupati per la protezione dei civili in questo conflitto acuto e in crescita”.
Al centro della provincia di Cabo Delgado, molti sfollati si sono riuniti in piccoli villaggi e città, come Mitambo, Ancuabe e Nanjua, dove le équipe di Msf gestiscono cliniche mobili e hanno distribuito cibo, rifugi e kit igienici a circa 800 famiglie alla fine di gennaio.
“A Mitambo, dove gestiamo cliniche mobili e distribuiamo cibo, la situazione si è fatta molto tesa con il continuo arrivo di sfollati – afferma Jean-Jacques Mandagot, coordinatore del progetto di Msf -. Alcuni dormono nei campi mentre altri si rifugiano in case con il tetto di paglia abbandonate da chi è fuggito in cerca di un luogo più sicuro. Qualcuno è rimasto solo una notte per poi rimettersi in viaggio verso zone più sicure, altri sono rimasti più a lungo perché non avevano i mezzi per proseguire”.
“Ogni giorno, il nostro team fornisce più di 200 consultazioni mediche e abbiamo curato oltre 2.000 pazienti in una sola settimana – aggiunge Mandagot -. Abbiamo visto molte persone con malaria, tosse, febbre e diarrea. Molti pazienti hanno anche dolori fisici alle gambe e alla schiena a causa del difficile e duro viaggio per fuggire dalle violenze”.
“È assolutamente fondamentale che i medicinali e le forniture mediche possano essere importati rapidamente, senza ritardi burocratici, in modo che Msf possa aumentare la sua azione salvavita nella provincia di Cabo Delgado”, conclude Veicht.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy