Diocesi: Cesena, morto il vescovo emerito Lino Garavaglia

È morto il vescovo emerito di Cesena-Sarsina, mons. Lino Garavaglia. Era ricoverato nella casa di riposo don Baronio da una settimana. Era nato nel 1927. In diocesi nel 1991 subentrò a mons. Luigi Amaducci che venne trasferito a Ravenna. Rimase titolare fino al 2004.
Il 4 ottobre 1945, Garavaglia entrò nell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini, dove emise la professione solenne nel 1951. Al termine degli studi teologici, fu ordinato sacerdote nel duomo di Milano, il 5 dicembre 1954. Frequentò i corsi dell’Istituto Medio-Estremo Oriente presso l’Università di Milano, si diplomò in Missiologia all’Università di Lovanio e in Giornalismo alla Scuola Superiore dell’Associazione Giornalisti Alta Italia. Tra i vari incarichi ricoperti, quello di ministro della Provincia Cappuccina di Lombardia (1979-82) e presidente del Consiglio Italiano Superiori Provinciali (1981), oltre che di definitore generale dell’Ordine (1982-85).
L’elezione episcopale avvenne, il 2 febbraio 1986, quando fu eletto vescovo coadiutore di Tivoli, mentre la consacrazione, a Roma, l’8 marzo dalle mani del cardinale Lucas Moreira Neves. Il 25 marzo 1991 è trasferito alla sede di Cesena-Sarsina. L’evento di maggior rilievo è costituito dal sinodo, che mancava a Cesena dal 1929. Garavaglia realizza il primo sinodo della diocesi di Cesena-Sarsina, che si apre nel dicembre 1995 e termina nel 1999. Il 9 settembre 2002 Garavaglia rassegna le dimissioni.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy