Cinema: Religion Today Filmfestival, già 800 pellicole iscritte per una XXIII edizione dedicata all’ambiente e alla bellezza del Creato

Lo staff di Religion Today Filmfestival continua a lavorare in remoto per poter dare vita alla XXIII edizione della manifestazione che dal 23 al 30 settembre 2020 animerà la città di Trento riscoprendo insieme ai cittadini il dialogo, il confronto e l’ecumenismo.
Il tema al centro della rassegna cinematografica sarà quello dell’ambiente e della bellezza del Creato, ispirato dall’enciclica Laudato si’ di Papa Francesco, sull’ecologia integrale: il Festival racconterà, grazie a numerosi film provenienti da tutto il mondo, l’importanza della relazione tra religione e ambiente.
Il comitato di selezione ha già ricevuto più di 800 pellicole provenienti da tutto il mondo sin dal 31 gennaio, data di apertura delle iscrizioni, che si protrarranno fino al 31 maggio. “La speranza è quella di riuscire a superare il record dell’anno scorso, che contava circa 1700 film iscritti alla competizione, tra i quali sono state scelte le pellicole in concorso”, spiega il direttore artistico del Festival, Andrea Morghen.
Le incertezze, dovute alla situazione attuale generata dalla pandemia di Covid-19, restano tante: “Il nostro desiderio è quello di poter portare i trentini al cinema anche questo autunno, come gli anni scorsi”, dichiara Morghen, che continua: “Noi ci stiamo impegnando al massimo per continuare il lavoro di selezione e organizzazione, al fine di garantire il normale svolgimento del Religion Today. Soltanto il tempo e le disposizioni locali e nazionali potranno dare ulteriori indicazioni a riguardo”.
Intanto proseguono anche le altre attività istituzionali di Religion Today e dell’Associazione BiancoNero che lo organizza. In particolare, continua la collaborazione con la Luiss e la Fondazione Sinderesi, con le quali i membri dello staff del Festival terranno dei webinar giovedì 16 aprile e giovedì 23 aprile, dai titoli rispettivamente: “Monotheisms. how to be just despite a hidden god?” e “Far east wisdoms. will you reach the goodness despite the world?”.
“L’augurio di tutti è quello di poterci ritrovare dal 23 al 30 settembre al cinema – conclude Morghen – per poter accogliere i tanti ospiti internazionali e nazionali che rendono speciale il Festival e trasformare Trento in un laboratorio di dialogo e convivenza, parlando assieme di religione e ambiente”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy