Diocesi: Perugia, al via giovedì il nuovo anno del Cfp con 5 corsi di approfondimento teologico. Si parte con la figura di Giobbe

Inizierà giovedì 29 settembre, dopo la pausa estiva, il nuovo anno di attività del Centro di formazione pastorale (Cfp) dell’arcidiocesi di Perugia-Città della Pieve, che vede il suo “Notiziario” tagliare il traguardo dei primi 20 anni di pubblicazione per complessivi 32 numeri dati alle stampe. Da fine settembre alla seconda metà di maggio 2023 si terranno dei corsi di approfondimento teologico su temi specifici e di interesse, quali: “cosa è l’uomo e perché è messo alla prova” attraverso una lettura approfondita del “Libro di Giobbe” (29 settembre-3 novembre); “la santità nella quotidianità coniugale” nelle figure dei santi Luigi e Zelia Martin (10 novembre-15 dicembre); “L’Anno liturgico. Per Cristo, con Cristo e in Cristo nel tempo” (12 gennaio-16 febbraio 2023); “I maestri della preghiera tra 1500 e 1700” nella storia della spiritualità (23 febbraio-30 marzo); il “Breve viaggio nella speranza, la virtù del cammino, la virtù dei tempi difficili” (27 aprile-18 maggio). I primi quattro corsi si terranno il giovedì, dalle 18.30 alle 19.45, presso il “Villaggio della Carità” di Perugia, mentre il quinto è in programma, sempre giovedì, dalle 18.45 alle 20 presso il salone parrocchiale della chiesa San Giovanni Paolo II don Prepo di Perugia.
I corsi saranno tenuti dai sacerdoti Alessio Fifi, Luca Bartoccini, Francesco Verzini e Nicolò Gaggia e dalla francescana diocesana suor Roberta Vinerba.
Don Bartoccini, responsabile del Cfp, teologo e canonico della cattedrale di Perugia, così presenta il primo corso: “Le sventure che si abbattono su Giobbe gli fanno sentire Dio stesso come nemico implacabile. La moglie e i suoi amici finiscono per disprezzarlo e accusarlo ingiustamente. Contro tutto e tutti egli invece acquista sempre più forza per rivolgersi a Dio ed esigere una risposta. La risposta divina lo consacrerà intercessore per i veri colpevoli. Cercheremo di attraversare il dramma di Giobbe per intravedere nel mistero della sofferenza innocente la grandezza e la dignità in cui è costituito l’uomo e di cui Giobbe è una trasparenza”.
Iscrizione obbligatoria scrivendo a centroteologicopg@gmail.com.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy