This content is available in English

Economia: Eurostat, la crisi da Covid-19 colpisce il lavoro. Crescono i disoccupati fra giovani e donne

A luglio 2020, “mese caratterizzato da un certo allentamento delle misure di contenimento del Covid-19 in molti Stati membri”, il tasso di disoccupazione destagionalizzato dell’area dell’euro è stato del 7,9%, rispetto al 7,7% di giugno 2020. Il tasso di disoccupazione dell’Ue è stato invece del 7,2% a luglio 2020, in aumento rispetto al 7,1% di giugno 2020. Questi dati sono pubblicati da Eurostat, ufficio statistico dell’Unione europea. Eurostat stima che 15 milioni e 184mila uomini e donne nell’Ue erano disoccupati al 31 luglio scorso. Rispetto a giugno 2020, il numero di disoccupati è aumentato di 336mila unità nell’Ue. Sempre a luglio 2020, 2 milioni e 906mila giovani (sotto i 25 anni) erano disoccupati nell’Unione, di cui 2 e 338mila nell’area dell’euro. A luglio 2020, il tasso di disoccupazione giovanile era del 17,0% nell’Ue e del 17,3% nell’area dell’euro, in aumento rispetto al 16,9% e al 17,2% rispettivamente del mese precedente. Rispetto a giugno 2020, la disoccupazione giovanile (rappresentata nel grafico – Fonte Eurostat) è aumentata di 37mila unità nell’Ue e di 29mila nell’area dell’euro. Infine, rispetto ai dati diffusi oggi da Eurostat, a luglio 2020 il tasso di disoccupazione femminile era del 7,5% nell’Ue, dal 7,3% di giugno. Il tasso di disoccupazione maschile era del 7,0% a luglio 2020, dal 6,8% di giugno precedente. Nell’area dell’euro, il tasso di disoccupazione femminile è aumentato dall’8,0% nel giugno 2020 all’8,3% nel luglio 2020, mentre è aumentato dal 7,5% al 7,6% per gli uomini.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy