Sir: principali notizie dall’Italia e dal mondo. Governo, verso la ripartenza dal 4 maggio. Ue, oggi in videoconferenza il Consiglio europeo

Governo. La ripartenza dal 4 maggio, verso ok agli spostamenti ma entro i confini regionali

Permettere gli spostamenti anche fuori dal proprio Comune e all’interno delle singole Regioni dal 4 maggio, lasciando però in vigore i limiti alla mobilità intra-regionale. È l’ipotesi sul tavolo del governo. Niente di deciso, viene spiegato, ma questo sarebbe al momento l’orientamento prevalente. Da Palazzo Chigi si apprende che il piano per la fase 2 “prevede una ripartenza sempre all’insegna della massima cautela, nella consapevolezza che si dovrà sempre tenere sotto controllo la curva epidemiologica e non farsi trovare impreparati in caso di una possibile risalita del contagio. Il piano prevede un allentamento delle misure restrittive, ma non uno stravolgimento”. “Sarà fondamentale, in questa fase, rafforzare il protocollo di sicurezza sui luoghi di lavoro già approvato nel marzo scorso e completare queste prescrizioni anche con riferimento alle attività del trasporto e della logistica”. Intanto, il prossimo 30 aprile alle ore 10 si terrà nell’Aula della Camera una informativa del presidente del Consiglio sulle questioni attinenti alla programmazione per la ripresa delle attività economiche.

Coronavirus. Protezione civile, continua a decrescere numero positivi, ma morti in oltre 25mila

I dati di ieri, mercoledì 22 aprile, della Protezione civile mostrano che continua il calo dei positivi al coronavirus in Italia: sono ad oggi infatti 107.699, 10 in meno di martedì. Superate, però, le 25mila vittime di coronavirus in Italia, con un incremento di 437 in 24 ore. Nuovo record di guariti e dimessi dal coronavirus in Italia quello registrato ieri: sono complessivamente sono 54.543, con un 2.943 in più rispetto a martedì, quando l’aumento era stato di 2.723.

Ue. Oggi in videoconferenza il Consiglio europeo

Oggi, alle 15, il Consiglio europeo si riunirà in videoconferenza per uno incontro molto atteso. Molti i temi sul tavolo, soprattutto in relazione alle iniziative di sostegno alla ripresa economica, alcune già valutate dall’Eurogruppo: prestiti Bei per 200 miliardi, fondi Sure per finanziare la cassa integrazione per 100 miliardi, disponibilità del Mes con minori condizionalità per 240 miliardi. Al centro dell’attenzione, più che i sempre citati coronabond, il Recovery fund, intervento da 1.000 miliardi che potrebbe essere garantito dal bilancio pluriennale Ue: ma i nodi da sciogliere sono ancora notevoli e le ritrosie di alcuni Stati è confermata.

Stati Uniti. Trump firma il blocco agli immigrati

Il presidente americano Donald Trump ha annunciato di aver firmato l’ordine di sospensione dell’immigrazione negli Usa per il coronavirus. “Ho appena firmato – ha detto durante la consueta conferenza stampa alla Casa Bianca sull’emergenza coronavirus – prima di venire in questa stanza”. La firma sul blocco temporaneo dell’immigrazione, anticipata ieri da Trump, prevede la sospensione per almeno 60 giorni dei permessi di residenza permanenti per stranieri negli Stati Uniti, le cosiddette carte verdi.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy