This content is available in English

Regno Unito: card. Nichols, questa sera messa per gli operatori sanitari. Ogni giovedì celebrazione e applauso

foto SIR/Marco Calvarese

(Londra) “Vogliamo aggiungere a quell’applauso pubblico un momento di preghiera”. È con queste parole che il card. Vincent Nichols, primate cattolico di Inghilterra e Galles, ha annunciato che ogni giovedì sera, alle 19, un vescovo celebrerà una messa da una delle cattedrali del Paese per dimostrare solidarietà a infermieri, dottori e agli altri lavoratori impegnati in prima linea a combattere il Covid-19. Una “preghiera pubblica”, così la definisce l’arcivescovo di Westminster, che anticipa il battito di mani alle finestre e alle porte con il quale, da quattro settimane, i cittadini britannici dicono il loro grazie a chi ha custodito, con fatica e coraggio, dall’inizio della crisi, la loro salute. Sarà lo stesso card. Nichols ad avviare l’iniziativa, questa sera, celebrando la messa nella Westminster Cathedral, chiesa madre del cattolicesimo inglese, nel cuore di Londra. La prossima settimana toccherà al vescovo Richard Moth, nella cattedrale di Arundel, nel sud d’Inghilterra e, fino al 28 maggio, le messe continueranno da Leeds a Newcastle, Shrewsbury e Middlesbrough. In Gran Bretagna, dove le chiese sono chiuse dal 23 marzo scorso, quando è stata introdotta, dal governo britannico, la quarantena, la partecipazione via streaming alle messe ha attirato decine di migliaia di persone. La diocesi gallese di Wrexham ha triplicato il numero di fedeli che hanno raggiunto la cifra di 1.295 durante la messa della Domenica delle Palme.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy