Coronavirus Covid-19: card. Comastri, “nel dilagare dell’epidemia, stiamo riscoprendo cosa è essenziale nella vita”

“Nel dilagare dell’epidemia, stiamo riscoprendo anche noi cosa è essenziale della vita. Questa lezione valga per sempre, valga anche per dopo”. Con questa preghiera il card. Angelo Comastri, arciprete della basilica vaticana, ha concluso la recita dell’Angelus, trasmessa in diretta streaming dalla basilica di San Pietro. Poi la recita del Rosario, con i Misteri del Dolore, il primo dei quali ci porta nell’Orto degli Ulivi, dove Gesù piange e suda sangue. “Noi siamo la sofferenza di Dio – ha commentato Comastri – e la risposta di Dio è un amore più grande della nostra cattiveria”. Nel secondo Mistero doloroso, “contempliamo la scena della flagellazione, dove Gesù tutto sopporta per amore nostro”, ha proseguito il cardinale. Il terzo Mistero del Dolore ci presenta Gesù coronato di spine e ingiustamente condannato alla Crocifissione: “È una scena che ci ferisce il cuore, ma nello stesso tempo ci fa capire quanto è grande l’amore di Dio”, ha esclamato Comastri. Nel quarto Mistero doloroso contempliamo Gesù che, portando la Croce, cammina verso il Calvario aiutato da uomo di Cirene e confortato dalla presenza di Maria, la Madre. “Si sta spegnendo l’amore e il mondo diventa freddo, inospitale, invivibile”, la preghiera del cardinale: “Spezza le catene che ci impediscono di correre verso gli altri, aiutaci a ritrovare noi stessi nella carità. Riaccendi la scintilla d’umanità che hai posto nel nostro cuore dalla creazione e liberaci dall’egoismo”. Nel quinto Mistero del Dolore, contempliamo Gesù Crocifisso, ha concluso Comastri, elevando una preghiera per “tornare a Dio” e invocando l’intercessione di San Michele Arcangelo “perché ci liberi dalle insidie di Satana”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy