Formazione professionale: Paola Vacchina confermata presidente di Forma. “Per la ripartenza alleanza con le imprese”

L’Assemblea generale di Forma, l’associazione degli enti nazionali di formazione professionale, ha confermato la fiducia alla presidente uscente Paola Vacchina, che resterà in carica per il terzo mandato consecutivo. Nel corso dei lavori, svolti in presenza a Roma e in collegamento telematico, sono stati confermati anche i vicepresidenti don Massimiliano Sabbadini (presidente Confap) e Riccardo Giovani (direttore Politiche del lavoro di Confartigianato) e il segretario generale Dario Odifreddi (presidente del Consorzio Scuola e lavoro). Del direttivo faranno parte anche Carlo Parlagreco (Inipa-Coldiretti), Tonino De Matteo (Efal-Mcl), Federico Pendin (Csl) e Stefano Mastrovincenzo (Ial-Cisl).
“Investire nella formazione professionale e nelle politiche attive del lavoro, con un’alleanza forte tra formazione e imprese, è la chiave di volta per la ripresa del Paese, per la produttività e per lo sviluppo, che si raggiungono solo investendo nel capitale umano”, ha dichiarato Vacchina, che ricopre anche la carica di consigliera del Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro (Cnel).
Voluta nel 1999 dalla Cei e promossa da Acli, Cisl, Cif, Coldiretti, Confap, Compagnia delle Opere, Confcooperative e dal Mcl, l’associazione Forma attraverso gli enti che ne fanno parte rappresenta gran parte dell’attività di formazione professionale che si svolge nel nostro Paese. “I vertici di Forma – viene assicurato in una nota – proseguiranno nelle interlocuzioni istituzionali finalizzate a tutelare e promuovere la formazione professionale, particolarmente in epoca Covid, a cominciare dall’audizione con il Comitato esperti per l’emergenza del ministero dell’Istruzione, presieduto dal prof. Patrizio Bianchi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy