Coronavirus Covid-19: Abruzzo da domani “zona rossa”. Vescovi, “celebrazioni in presenza continuano regolarmente”

Da domani, mercoledì 18 novembre, anche la Regione Abruzzo diventerà “zona rossa” per via della situazione legata all’evolversi dell’emergenza sanitaria per il coronavirus Covid-19. In una nota, la Conferenza episcopale abruzzese-molisana ricorda quanto già comunicato in precedenza anche dalla Conferenza episcopale italiana relativamente alle celebrazioni eucaristiche e alle attività pastorali. In particolare, “le celebrazioni in presenza continuano regolarmente osservando tutte le disposizioni e precauzioni indicate e già messe in atto. I fedeli per partecipare alle celebrazioni o per recarsi nei luoghi di culto dovranno essere muniti di autocertificazione”. Per quanto riguarda, invece, “la catechesi e lo svolgimento delle attività pastorali bisognerà evitare momenti in presenza dove non siano assicurate le condizioni di sicurezza necessarie (spazi, distanziamento, mascherine, piccoli numeri ecc.) favorendo, con creatività, modalità d’incontro già sperimentate nei mesi precedenti e ponendo la dovuta attenzione alle varie fasce di età”. In ogni caso, sarà necessaria l’autocertificazione per giustificare gli spostamenti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy