Memoria: Gariwo, disponibile on line un ebook gratuito con le storie de “I Giusti dello sport”

Dal pugno alzato di Tommie Smith e John Carlos all’eroismo di Peter Norman alle Olimpiadi di Città del Messico del 1968 passando per il coraggio di Gino Bartali contro il nazismo e il dissenso dei coniugi Zátopek durante la repressione di Praga. E poi ancora la battaglia per i diritti degli Oromo in Etiopia di Feyisa Lilesa e la lungimiranza di Nelson Mandela nell’utilizzare il rugby per ricostruire il Sudafrica post apartheid. Senza dimenticare le sfide contemporanee contro le discriminazioni e le testimonianze degli sportivi che hanno abbandonato il campo da gioco per aiutare i più bisognosi durante la crisi pandemica. Sono decine le storie raccontate ne “I Giusti dello sport”, una raccolta – disponibile da oggi gratuitamente sul sito web di “Gariwo – la foresta dei Giusti” – delle più grandi storie di giustizia e diritti umani nello sport raccontate da alcune delle migliori penne del giornalismo sportivo italiano. “Una lettura affascinante – spiega una nota – ma, soprattutto, uno strumento per ricordare e replicare gli esempi di quelli sportivi che, come i tre corridori di Messico ’68, consapevolmente o non, ma sempre con coraggio e controcorrente, hanno promosso la pace e, più in generale, un’idea di mondo inclusiva ed equa”.
Storie che, come spiega il presidente di Gariwo, Gabriele Nissim, “mostrano che uomini normali, se sorretti dal coraggio e dalla determinazione, hanno potuto incidere e lasciare delle tracce di umanità. Sono stati capaci di riparare il mondo nello spazio in cui agivano. Non hanno sconfitto il Male, non hanno cambiato mai del tutto la situazione, ma nel loro ambito di libertà sono riusciti a vincere la loro battaglia”.
Tra gli autori spicca Gianni Mura, firma storica del giornalismo sportivo, scomparso lo scorso marzo, Darwin Pastorin, Alberto Toscano e Leonado Coen.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy